“Diario di bordo” del terzo incontrio con gli autori nel Maremetraggio Village

Gioie e dolori del cinema al femminile. Togliamoci questo sassolino dalla scarpa senza rancore per nessuno: il film di Valia Santella “Te lo leggo negli occhi” non è un lavoro completamente riuscito.
Se ne avuto palese sentore durante l’incontro con il pubblico e con l’autrice del film medesimo.

Persona gentile e non priva di un autentico amore per il cinema per l’introspezione al femminile in alcuni frammenti risolta anche egregiamente la giovane regista napoletana appare incerta nell’applicazione pratica e acerba a livello di scrittura cinematografica.
Fortuna ha voluto che interprete della sua pellicola fosse un piccolo grande mito italico come Stefania Sandrelli.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.