E’ “PER NON DIMENTICARTI IL QUINTO LUNGO IN CONCORSO A MAREMETRAGGIO”

L’opera prima della Avati sarà all’ Ariston da venerdì 23 febbraio
Continua la nuova modalità di visione e votazione delle opere prime in concorso per la sezione Ippocampo – Opere Prime, riservata al lungometraggio e a quei registi che hanno esordito sul grande schermo dopo aver avuto un trascorso nell’ambito del corto.
Questa volta il film presentato al cinema Ariston sarà “Per non dimenticarti”, opera prima di Mariantonia Avati (figlia del più noto Pupi), con Anita Caprioli, Ettore Bassi e Enrica Maria Modugno.

Siamo a Roma. Inizio anno 1947. La seconda guerra mondiale è appena finita e, fra le macerie di una città, lascia ancora i suoi segni. Nel reparto di maternità di un ospedale si intrecciano storie di nove donne che stanno per partorire. Nina, la protagonista, viene ricoverata all'ottavo mese per delle complicazioni e nel reparto troverà il supporto e la solidarietà delle altre donne.
“La storia che abbiamo voluto raccontare si svolge quasi esclusivamente all'interno di un reparto maternità; la guerra è finita da poco – spiega la Avati – il paese reca ancora gli atroci segni dei bombardamenti. Le angherie, la fame e le atrocità del conflitto appaiono impresse in maniera ancora più evidente ed ineluttabile nel carattere delle nostre protagoniste, nove donne in attesa di partorire. Ognuna di esse – continua la giovane regista – porta con sé la propria personale esperienza e il vissuto di quegli anni cupi”.
Le proiezioni all’ Ariston prenderanno il via venerdì 23 febbraio per continuare nelle giornate del 24 e 25 febbraio.
Dopo ogni proiezione il pubblico presente in sala avrà la possibilità di votare il film; le votazioni saranno poi utilizzate per l’assegnazione del Premio del Pubblico, che verrà consegnato come di consueto nel corso del Festival.
 
Oltre al premio del pubblico il film selezionato sarà in gara per altri premi Ippocampo: come Miglior Opera prima, Miglior Attore, Miglior Attrice e Premio della critica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.