DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO Tavola rotonda sulle progettualità, sui vincoli e le risorse per i Festival cinematografici in Italia

DOMANI E’ UNALTRO GIORNO

Tavola rotonda sulle progettualità, sui vincoli e le risorse per i Festival cinematografici in Italia

LUNEDI 30 NOVEMBRE ore 14.30 presso l’Auditorium di

Sant’Apollonia – Firenze

 

FB cover afic convegno

 

I festival del cinema rappresentano ormai un circuito cinematografico vero e proprio che si snoda nel tempo di tutto l’anno e nei luoghi di ogni parte d’Italia. È importante sostenere un’attività che è il principale mezzo di promozione del cinema in Italia. I festival, come tutte le altre manifestazioni culturali, soprattutto in questo periodo di crisi economica hanno cercato di mantenersi con i propri mezzi e con il sostegno del mondo privato ma è indubbio che per generare questo tipo di economia culturale occorra comunque un sostegno da parte dello Stato e degli enti locali.

Ma con quali criteri, con quali scelte e con quali mezzi?

Con uno sguardo al futuro prossimo, la tavola rotonda “Domani è un altro giorno” [all’interno della 56a edizione del Festival dei Popoli a Firenze dal 27 novembre al 4 dicembre]vuole fare il punto sulle nuove linee guida della Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali il cui direttore, Nicola Borrelli, ne anticiperà i contenuti alla presenza dei membri della commissione ministeriale. Senza dimenticare il ruolo delle regioni – con la presenza dell’assessore alla cultura del Friuli Venezia Giulia Gianni Torrenti – e delle loro Film Commission (interverrà la presidente di “Italian Film Commission” Stefania Ippoliti) e l’importanza dell’apporto dei privati.

Il sistema festival non è alternativo a quello delle sale tradizionali, perché spesso si inserisce nel medesimo tessuto imprenditoriale e ne amplia le funzioni di promozione del cinema. Sarà pertanto importante ascoltare le idee della senatrice Rosa Maria Di Giorgi, prima firmataria del ddl sul riassetto del sistema cinematografico e audiovisivo.

L’Associazione Festival Italiani di Cinema si propone quindi non solo di analizzare  lo stato attuale delle linee di finanziamento pubblico ma anche di proporre progettualità certe e trasparenti per il futuro, alla luce dei vincoli e delle risorse oggi disponibili, con uno sguardo speranzoso a domani. Che è un altro giorno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.