ShorTS 2017. Programma mercoledì 5 luglio

Mercoledì 5 luglio a ShorTS si parla di cinema coi protagonisti: oltre ai concorsi Maremetraggio, Nuove Impronte e Sweets4Kids in Mediateca Massimo D’Anolfi e Martina Parenti tengono la prima delle due giornate di workshop Osservando la Materia. Il workshop si terrà dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 e l’accesso è solo su iscrizione. La stampa, previa richiesta, verrà fatta accedere.

In piazza Verdi alle 21.30 viene proiettato il cortometraggio It’s Fine, Anyway di Pivio e Marcello Saurino alla presenza del compositore Pivio: Due donne si incontrano e hanno una relazione, presumibilmente di una notte. Si salutano al mattino con la promessa di rivedersi. Ma il loro secondo appuntamento avrà una natura inaspettata. Per motivi differenti, saranno entrambe coinvolte in un combattimento clandestino.

A seguire verranno proiettati i cortometraggi in concorso nella sezione Maremetraggio con:

Il Silenzio di Farnoosh Samadi e Ali Asgari (I, 2016, 15’). Fatma e sua madre sono due rifugiate curde in Italia. Durante una visita dal medico, Fatma è chiamata a tradurre le parole che il dottore dice alla madre, ma rimane in silenzio.

Finché c’è vita c’è speranza  di Valerio Attanasio (I, 2015, 20’). Un ragazzo chiede alla sua fidanzata di sposarlo. I soldi non sono molti, ma quando c’è l’amore non importa nient’altro. Non sanno ancora in che guaio si sono cacciati!

The Witching Hour di Riley Geis (USA, 2016, 13’). Durante la sera di Halloween la strada di George, un pauroso ragazzino, si incrocia con quella dell’inquietante e seducente Susie, che lo coinvolge in un’avventurosa e maliziosa nottata nello spettrale Beauregard Manor.

Estate di Ronny Trocker (F, 2016, 7’). Su un’assolata spiaggia del Mediterraneo il tempo sembra essersi fermato. Un uomo di colore, sfinito, avanza sulla sabbia e nessuno sembra notarlo. Liberamente ispirato da una fotografia di Juan Medina scattata sulla spiaggia spagnola di Gran Tarajal nel 2006.

Biroun az in di Keivan Mohseni (IR, 2015, 1’). L’immaginazione aiuta ad alleviare la tristezza di un ragazzino…

Tilda di Katja Benrath (D, 2015, 14’). Tilda vive con le sue bambole. L’unico contatto con il mondo esterno è il Pastore Krause. Gli inamida e stira il colletto ma non riuscirebbe mai a guardarlo negli occhi. Un giorno, quando il pastore sporca il suo colletto appena inamidato, tutto cambia.

Guantanamo Baby di Dieter Primig (D, 2015, 3’). Questa è la storia di un eroe bambino. Intrappolato, imprigionato, evita con tutte le sue forze l’ennesima porzione di spinaci offerta dalla sua fin troppo amorevole madre, sperando solo di riuscire nella grande fuga!

Alzheimer’s: A Love Story di Gabe Schimmel , Monica Petruzzelli (USA, 2015, 16’). 12 anni fa a Greg è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer e ora vive in una casa di cura. Ogni giorno un uomo di nome Michael va a fargli visita per un paio d’ore. Michael ama Greg dal primo momento in cui l’ha conosciuto, 40 anni fa.

Reflections di Morgan Gruer (USA, 2017, 2’). Che cosa diventano i nostri ricordi? Restano vivi dentro di noi, anche quando la realtà è morta. L’effimera essenza dell’amore costringe una ragazza a chiedersi se la sua relazione sia mai esistita o se è sempre e solo rimasta nella sua testa.

The Mile di Dmitry Korabelnikov (RUS, 2015, 16’). Sotto l’influenza della sua immaginazione, un uomo commette un’azione le cui fatali conseguenze non potranno essere modificate.

Mon dernier été di Paul Claude Demers (CDN, 2016, 15’). Durante una forte ondata di calore a Montreal Tom, 11 anni, incontra Edith, 11 anni anche lei. Scopre presto che Edith porta con sé un terribile segreto. Tom perde così la sua innocenza all’alba del suo primo amore, che diventa il simbolo della sua ultima estate.

Kaboom di Romain Daudet Jahan (F, 2016, 2’). Sangue. Fuoco. Glitter. Kaboom.

Al Cinema Ariston alle 18:00 continua la terza edizione di SweeTS4Kids con la due giorni dedicata ai più piccoli. ShorTS ospita da qualche anno una sezione di cortometraggi rivolta ad una fascia di età tra gli 8 e i 13 anni. I cortometraggi sono stati selezionati dal giovane Tommaso Gregori. La sezione gode di un panel speciale chiamato la “giuria dei 101”, i ragazzi che vorranno potranno partecipare ai lavori tramite iscrizione effettuata dai genitori compilando l’apposito formulario www.maremetraggio.com.  EstEnergy e Hera Comm sono partner e sostenitori di questa sezione.

Per l’omaggio al cinema documentario di D’Anolfi e Parenti viene proiettato alle 20:00 L’INFINITA FABBRICA DEL DUOMO di Massimo D’Anolfi , Martina Parenti (I, 2015, 74’)

La storia della nascita e del continuo mantenimento del Duomo di Milano attraverso i secoli.

Del concorso Nuove Impronte invece alle 21:30 vedremo CUORI PURI di Roberto De Paolis (I, 2017, 114’) Agnese e Stefano sono molto diversi. Dal loro incontro nasce un sentimento vero, fatto di momenti rubati e di reciproco aiuto. Il desiderio l’uno dell’altra cresce sempre di più, fino a quando Agnese si troverà a prendere una decisione estrema e inaspettata.    

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.