COM STAMPA 02-07-16

Day two of the ShorTS festival. Saturday 2nd July’s events begin at 10:00 (and then again at 14:00) at Punto Enel with Short 4 Sweets, Francesco Filippi’s workshop dedicated to adolescents between the ages of 12 and 15. We then go on with the Premio Mattador which, at Palazzo Gopcevich at 11:00, will present the jury and finalists for their prize; and at 18:30 Francesco Filippi will present his book Fatti un Film! (joint editors), from which stems the workshop on how to use different multimedia devices such as phones and tablets to make films both long and short, at Libreria Ubik in Galleria Tergesteo.

The homage to Andrea Segre continues at Cinema Ariston at 20:00 with la Mal’ombra: the story of an industrial area built in a location which possesses one of the biggest and most important aquifer recharge basins in the province of Vicenza, near San Pietro, where for four years the locals have fought against the construction of a galvanisation plant from their permanent stronghold.

This is followed at 21:30 by screening of Antonello Faretta’s Montedoro for the Nuove Impronte section, in which a middle-aged American woman unexpectedly discovers her true origins only after the death of her parents. Deeply shocked, and in the midst of a serious identity crisis, she decides to travel in the hope of being able to re-embrace the birth mother she never knew. She brings herself to Montedoro, a small municipality in the south of Italy which she finds completely abandoned. Seven debut works compete in this section, and the best will be awarded prizes by the Nuove Impronte Jury: Diane Fleri, Federico Spoletti, Marco Amenta, Marina Marzotto and Thomas Trabacchi. The public will also designate their favourite film, which will receive the Bakel Public Award. New this year is our important collaboration with the Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (National Association of Italian Film Critics): the SNCCI jury, made up of Adriano De Grandis, Nicola Falcinella and Giona A. Nazzaro, will make the decision on the best film in competition.

At 21:30 in Piazza Verdi, after the screening of Giacomo Caceffo’s Pillole dal futuro for Premio Mattador¸another eleven shorts in competition for the Maremetraggio section will be shown. The stand-out short is the Oscar-winning Stutterer by Benjamin Cleary (UK): a lonely, stuttering typographer, whose stutter is so bad he has to resort to sign language despite his profound thoughts and eloquent interior voice, is finding it increasingly difficult to immerse himself in normal, every-day social interactions. He meets a girl on Facebook and, eventually, the day arrives where he has to meet her in person. Three Spanish shorts follow: Ladrones de tiempo (by Fran X. Rodríguez), El abrazo (by Iñaki Sánchez Arrieta) and ¿Señor o señorito? (by Cristina Piernas and Victoria Ruiz). We then have two shorts from North America: the Canadian short You Are My Present by Sam Luk and the American short The Bravest, The Boldest by Moon Molson. These are followed by the German animated short The Present, by Jacob Frey, and the French short Papé, by Nicolas Polixene. We end with three Belgian shorts: De Smet by Wim Geudens, La Graine by Barney Frydman and L’Ours noir by Xavier Seron and Méryl Fortunat-Rossi. Free entry applies to all screenings. Info and complete programme available at www.maremetraggio.com.

 

Download .doc version >>

 

Ufficio Stampa:

 Daniela Sartogo (+39.342.8551242) – daniela.sartogo@gmail.com

Moira Cussigh (+39.328.6785049) – moira.cussigh@gmail.com

 

 

COM STAMPA – 1 luglio 2016

Trieste – Friday 1st July marks the beginning of the 17th ShorTS International Film Festival, staged in collaboration with TriestEstate and with contributions from: Mibact; the Regional Office of Culture, Sport and Solidarity; the Regional Office of Productive Activities, cooperation and tourism; the CRTrieste Foundation and the Casali Foundation.

The festival’s official inauguration will take place at 21:00 in Piazza Verdi, with festival president Chiara Valenti Omero and Zita Fusco saying some words before the Maremetraggio section begins. This is a section dedicated to short films: 94 shorts from both Italy and overseas, of which 35 are Italian premieres, have been picked out from the 1400+ shorts we received from all corners of the globe (26 countries including Turkey, France, USA, Spain, Kenya, Egypt, Lebanon, Iraq and, of course, Italy) to compete for the 5,000 euro Enel Prize for the Best Short Film, awarded by an international jury consisting of Elisa Fuksas (director), Alessandro Corsetti (Rai Cinema), Alessandra Priante (MIBACT), Paul Badoudjian (producer) and Cecilia Dazzi (actress), assembled to identify the crème de la crème of short films. As was the case last year, the public present in Piazza Verdi can rate the shorts they have seen, and the film with the highest rating at the end of the festival will be awarded the Trieste Caffè Prize. The shorts you can see on the big screen are: The Secret World of Foley by Daniel Jewel, Cuenta con nosotros by Pablo Vara, Grouillons-nous by Margot Reumont, Edit > Undo by Daniel Clements, The Bigger Picture by Daisy Jacobs, Punto di vista by Matteo Petrelli, Den lille døden by Simon Tillaas, Vainilla by Juan Beiro, Faint by Natalie Piaskura, Muerte blanca by Roberto Collío, Stag by Kevin Newbury and Rearranged by Ewa Górzna.

The inauguration will also see the awards ceremony for the It’ShorTS contest, for which lovers of cinema and design were called upon to create a graphical projection of a watchstrap. The victor, Beatrice Stasolla from the Liceo artistico Nordio di Trieste, will come up to the stage to receive her prize from Valentina Lesini and Giuseppe Taranto: her own IT’S WATCH watch with the strap she designed herself together with one from the Spring/Summer 2016 collection.

Cinema Ariston at 20:00 will host the beginning to a homage to the documentary maker, Andrea Segre, showing his Marghera canale nord. It is a story of the large, immovable Kawkab Motor Vessel, an Egyptian merchant ship gifted to the Marghera docks by an experienced ship owner, merchant sailors and human lives. This is followed at 21:30 by Fernando Cito Filomarino’s Antonia, the first of the films in competition for the Nuove Impronte section, which is dedicated to Italian debut works. The film tells the story of Antonia Pozzi, who was amongst the greatest poets of the 20th Century and who lived in Milan in the 1930s.

At 10:00 – and then at 14:00 – Punto enel will host the festival’s first special event, with Francesco Filippi’s workshop dedicated to adolescents between 12 and 15 years of age who will make, harnessing the tricks of shooting a film using a tablet of mobile phone taught at the workshop, an ideal trailer for the SweeTS4Kids section.

Download the .doc version

Il palinsesto di ShorTS 2016 finalmente presentato allo Spazio Enel!

94 cortometraggi provenienti da 26 Paesi – tra cui Turchia, Francia, USA, Spagna, Kenya, Egitto, Libano, Iraq e naturalmente Italia – selezionati tra 1400 arrivati da tutto il mondo, 7 opere prime italiane in concorso, 3 laboratori sui Mestieri del Cinema, 2 giorni di workshop con Andrea Segre – al quale verrà dedicato anche l’omaggio 2016 – itinerari sui luoghi del cinema e un focus sul cinema ungherese in collaborazione con il Busho Film Festival. In tutto 35 anteprime italiane tra cortometraggi, opere prime e eventi speciali tra cui la presentazione del film in anteprima assoluta Rubando Bellezza di Di Laura Bagnoli, Danny Biancardi e Fulvio Wetzl sulla famiglia Bertolucci e con Bernardo Bertolucci atteso ospite di questa 17^ edizione.
Matilda De Angelis, recentemente uscita in Veloce come il vento sarà la protagonista della Prospettiva 2016.
Meeting, workshop, eventi speciali, l’incontro con i produttori del triveneto in collaborazione con AGPCI – Associazione Giovani Produttori Cinematografici Indipendenti – la proiezione di La santa che dorme di Laura Samani di Trieste e ambientata nelle Valli del Natisone, recentemente presentato a Cannes, moltissimi premi – tra cui il Premio Enel, la nuova collaborazione con il SNCCI, il Premio nella casa circondariale di Trieste “Oltre il Muro”, il Premio Bakel, il Premio TriesteCaffè – e un contest in collaborazione con Il Piccolo: Shorts Surf the Web.
Tra gli ospiti in giuria Elisa Fuksas (regista), Alessandro Corsetti (rai cinema), Alessandra Priante (Mibact), Paul Baboudjian (produttore) e Cecilia Dazzi (attrice), Diane Fleri (attrice), Federico Spoletti (fred film radio), Marco Amenta (regista), Marina Marzotto (moviemax media group) e Thomas Trabacchi (attore).

DOWNLOAD:
Cartella Stampa | Video per TV e web | Foto Corti | Foto opere prime | Foto Eventi | Retrospettiva ShorTS Goes Hungary Busho Film Festival | Foto Andrea Segre – Realmente Liberi

Annunciate le sette opere prime in gara fra le Nuove Impronte!

SETTE OPERE PRIME TRA CUI UN’ANTEPRIMA NAZIONALE “I CORMORANI” IN GARA NELLA SEZIONE NUOVE IMPRONTE DELLO SHORTS INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2016.

TRA I FILM ANCHE “ARIANNA” CON VALENTINA CARNELUTTI, FRIULANA DI ORIGINE, FILM IN GARA TRA I CINQUE FINALISTI DEI GLOBI D’ORO 2016 E ATTRICE CANDIDATA AI NASTRI D’ARGENTO COME MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN “LA PAZZA GIOIA” DI VIRZì.

Sono sette le opere prime italiane in concorso quest’anno nella sezione Nuove Impronte di ShorTS International Film Festival di Trieste: film ancora inediti o poco visti nelle sale cinematografiche, realizzati da registi italiani al loro esordio nel lungometraggio. E per la prima volta in assoluto nella storia di ShorTS, tra i film che saranno proiettati al Cinema Ariston dal 1 al 9 luglio 2016, c’è anche un’anteprima nazionale: “I Cormorani”, opera prima di Fabio Bobbio prodotta dalla Strani Film di Fabio e Paolo Cavenaghi, Mirko Locatelli e Giuditta Tarantelli, i quali hanno scelto Trieste come prima data per la loro prima proiezione sul territorio nazionale.

Attraverso la sezione “Nuove Impronte”, ShorTS International Film Festival vuole dare risalto a un volto inedito o comunque poco noto della cinematografia italiana e della sua produttività: registi emergenti che dal cortometraggio si sono cimentati per la prima volta nella realizzazione di un lungo, autori indipendenti, sperimentali, audaci o magari già in grado, fin dal loro esordio, di pensare in grande. Questo per offrire una panoramica non esaustiva, ma certamente indicativa su ciò che è, o ciò che potrebbe essere, il cinema italiano del prossimo futuro.

«Quest’anno – spiega Beatrice Fiorentino, critico cinematografico e curatrice della sezione – si tratta di opere prime coraggiose e vitali, selezionate per la capacità di imporsi con un gesto filmico sempre incisivo. La selezione avviene tra i film meno visti, quelli che non hanno trovato distribuzione o che sono passati inosservati e avrebbero meritato maggiore attenzione. Il festival è alla costante ricerca di film e autori dalla spiccata personalità ».

Questo l’elenco dei film in competizione: I TALK OTHERWISE (Altrimenti io parlo) di Cristian Cappucci, un film che percorre l’Europa lungo lo sguardo del Danubio, da Ovest a Est, dal capitalismo al Comunismo, dalla Foresta Nera al Mar Nero. Scorre come un road movie tra le mescolanze e le fratture, le contraddizioni delle terre che il fiume attraversa.
I RACCONTI DELL’ORSO di Olmo Amato e Samuele Sestieri, fiaba low budget immersa nella natura scandinava, ai confini del mondo,
MONTEDORO di Antonello Faretta, ambientato a Craco, in provincia di Matera, città fantasma mèta di una donna americana di mezza età alla ricerca delle proprie origini,
MOJ BRATE (Mio Fratello) di Nazareno Manuel Nicoletti, un documentario in cui Stefano Gabrini ripercorre i luoghi (Roma, la Bosnia e il Canada) e le esperienze di uno dei suoi amici più intimi, l’antropologo, attore e clown Alberto Musacchio, morto suicida nel 2001.
ARIANNA di Carlo Lavagna, regista in corsa per i Nastri D’Argento mentre il film è in corsa nella cinquina finalista dei Globi D’Oro 2016, sensibile racconto di formazione di una diciannovenne alla scoperta della propria identità sessuale in cui recita anche l’attrice Valentina Carnelutti, di origini friulane, candidata ai Nastri D’Argento 2016 per la sua interpretazione in “La Pazza Gioia” di Virzì. ANTONIA di Ferdinando Cito Filomarino, in corsa per i Nastri D’Argento nella categoria miglior regista esordiente: la vita della poetessa milanese Antonia Pozzi, vissuta negli anni del fascismo con febbrile intensità e precocemente interrotta per sua mano a soli ventisei anni. Un biopic solo apparentemente “classico”, teso a fornire uno sguardo intimo e vicino ai fremiti di una ragazza assetata di amore e di vita. Infine I CORMORANI di Fabio Bobbio, esplorazione di una stagione (l’estate e l’adolescenza, alla quale i due giovani protagonisti Matteo e Samuele si stanno affacciando) e di un territorio, il Canavese, tra campagne assolate e anonime periferie.
“C’è un stato di inquietudine – afferma Beatrice Fiorentino – che accomuna tutte le opere del concorso. I personaggi che le abitano sono alla perenne ricerca di qualcosa o di qualcuno, attraversano una fase di incertezza o si muovono alla conquista della propria identità attraverso un percorso di indagine, di esplorazione, di osservazione. Una tensione che va interpretata come espressione di un’epoca instabile come quella in cui viviamo, priva di certezze, punti di riferimento e in costante divenire”. Novità di quest’anno il PREMIO SINDACATO CRITICI CINEMATOGRAFICI ITALIANI ALLA MIGLIOR OPERA PRIMA la cui Giuria è composta dai critici Adriano De Grandis, Nicola Falcinella e Giona A. Nazzaro del SNCCI.
Oltre alla Giuria Internazionale Nuove Impronte anche il pubblico in sala tramite schede di votazione assegnerà il Premio del Pubblico Bakel. A essere premiati non saranno solo le migliori opere prime, ma anche il miglior attore e attrice protagonisti. Le proiezioni si svolgeranno presso il Cinema Ariston.

Evento in collaborazione con TriestEstate e con il contributo di Mibact, Regione – Assessorato cultura, sport e solidarietà, Regione – Assessorato alle attività produttive, alla cooperazione e al turismo, Fondazione CRTrieste e Fondazione Casali.

Due corti in gara nella cinquina per il Globo D’Oro saranno a Trieste in occasione di ShorTS International Film Festival 2016

Trieste – ShorTS International Film Festival ospita due cortometraggi tra le opere selezionate nella cinquina in gara per la 56^ edizione dei Globi D’oro.
Saranno infatti a Trieste a luglio per la XVII edizione del festival “Dove l’acqua con altra acqua si confonde” di Gianluca Mangiasciutti e Massimo Loi e “Non senza di me” di Brando De Sica.

Insieme ad altri 92 cortometraggi gareggeranno per aggiudicarsi il premio di € 5.000 e i vari riconoscimenti in palio dopo essere stati proiettati sul maxi schermo in piazza Verdi per diventare il numero uno dei cortometraggi in gara.

Tra i vari riconoscimenti poi, quello per il regista italiano più interessante, il prestigioso premio “Studio Universal”, realizzato grazie al rinnovo della partnership tra l’Associazione Maremetraggio e Studio Universal (Mediaset Premium sul DTT) che consiste nell’acquisizione dei diritti Pay per la trasmissione televisiva al numero uno dei corti italiani, selezionato da una giuria interna al Canale. Premi anche al miglior corto d’animazione, al miglior montaggio italiano assegnato dall’AMC (Associazione Montaggio Cinematografico e Televisivo) e molti altri. Confermato anche quest’anno il Premio TriesteCaffè assegnato dal pubblico che ogni sera affolla Piazza Verdi.

Nato e cresciuto a Roma, Brando si laurea alla USC School of Cinematic Arts. Finiti gli studi torna in Italia dove inizia a farsi le ossa in pubblicità dirigendo diversi spot. Lavora come aiuto regia di Pupi Avati nel film Una sconfinata Giovinezza, e nel 2008 firma la sua prima regia con Parlami di me. Il suo corto “Non senza di me” parla di un padre estremamente possessivo impone al figlio una vita priva di indipendenza.

“Dove l’acqua con altra acqua si confonde” ha come protagonista Luca, un ragazzo solitario. Gli piace andare di notte a nuotare in una piscina, quando non c’è nessuno e resta solo il silenzio a fargli compagnia. Tutto scorre tranquillo fino a quando un lunedì una sconosciuta nuotatrice di nome Mia irrompe nel suo piccolo mondo notturno…

Gianluca Mangiasciutti lavora e vive a Roma come assistente alla regia dal 2005, su film per il cinema, serie televisive, spot. Dal 2010 ha diretto quattro cortometraggi, uno spot e un videoclip musicale. Massimo Loi vive e cresce in Sardegna fin a 18 anni, dove realizza due cortometraggi. Si laurea in scienze della comunicazione a 24 anni e in quel periodo realizza due cortometraggi, un mediometraggio e un documentario. Dal 2005 lavora come assistente alla regia su film per il cinema, serie tv, spot e videoclip musicali.

Evento in collaborazione con TriestEstate e con il contributo di Mibact, Regione – Assessorato cultura, sport e solidarietà, Regione – Assessorato alle attività produttive, alla cooperazione e al turismo, Fondazione CRTrieste e Fondazione Casali.

TUTTA LA BELLEZZA DEL CINEMA A SHORTS INTERNATIONAL FILM FESTIVAL CON IL PREMIO BAKEL!

ShorTS 2016 logo ufficialeBAKEL premia le stelle in occasione della XVII edizione di ShorTS International Film Festival di Trieste, città dal fascino asburgico e dalla particolare posizione sul mare, al confine con l’Europa. Dal 1 al 9 luglio 2016 il festival del cortometraggio più noto d’Italia ritorna – anche quest’anno – con i migliori “shorts” italiani e internazionali per la sezione Maremetraggio, ma anche lungometraggi, opere prime italiane, in Nuove Impronte. Ad essere premiati saranno anche il miglior attore e attrice protagonisti. Oltre a una prestigiosa Giuria anche gli spettatori del festival esprimeranno le proprie preferenze per assegnare all’opera prima più apprezzata: il PREMIO DEL PUBBLICO BAKEL.

ShorTS: un maxi schermo all’aperto in Piazza Verdi di Trieste accanto al suo splendido Teatro, adiacente a Piazza Unità, proietterrà una maratona dedicata ai migliori cortometraggi a livello internazionale, già vincitori di almeno un premio, provenienti da tutto il mondo mentre per gli amanti del lungometraggio invece ci sarà lo schermo del Teatro Ariston. Il festival negli anni ha ospitato attori, attrici, registi, produttori di grande calibro: Francesca Neri, Michele Riondino, Sergio Rubini, Margherita Buy, Laura Morante, Murray Abraham e molti grandi del cinema.

Si potrà inoltre visitare la città di Trieste sotto un profilo insolito dei “luoghi del cinema” attraverso le passeggiate Esterno/Giorno. Insieme al critico cinematografico Nicola Falcinella si ripercorreranno, con passeggiate a tema, le location e le storie delle tante opere per il grande schermo girate nella città giuliana, che per la caratteristica luce dei suoi tramonti sul mare, per la bellezza dei suoi storici edifici e della natura circostante e per la sua posizione di confine, a cavallo tra est e ovest europeo, è stata sempre molto apprezzata dai registi di tutto il mondo, da Mauro Bolognini a Luchino Visconti, da Francis Ford Coppola – che scelse la  vecchia Pescheria Centrale per girarvi alcune scene de “Il Padrino, parte II” – a  Cristina Comencini, da Anthony Minghella, che volle il Porto Vecchio per alcune scene de “Il paziente inglese”, a Giuseppe Tornatore.

Incontri con attori e registi, eventi speciali, workshop, approfondimenti, cocktail e happening con i protagonisti della cinematografia italiana e straniera completeranno il quadro, per nove intensi giorni interamente dedicati alla settima arte.

IT’SHORTS – DISEGNA IL TUO CINTURINO E AGGIUDICATI DUE OROLOGI

itsshorts-bannerShorTS non vede l’ora di partire! Il festival del cortometraggio più noto d’Italia, in attesa di annunciare i migliori cortometraggi italiani e internazionali selezionati per la sua imminente 17^ edizione  che saranno proiettati sul maxi schermo sotto le stelle in  Piazza Verdi di Trieste, insieme con IT’S WATCH – gli orologi originali made in Trieste dai cinturini intercambiabili, realizzati artigianalmente con tessuti esclusivi – aspetta, ed è il caso di dirlo non vede l’ora, l’inizio del festival che si terrà  dall’1 al 9 luglio 2016 a Trieste.

In attesa di poter vedere i migliori cortometraggi italiani e internazionali sul maxi schermo in Piazza Verdi immagina, disegna e invia allo ShorTS International Film Festival di Trieste la progettazione grafica di un cinturino per un orologio It’s. Se verrai selezionato IT’S WATCH realizzerà, in esclusiva, la tua idea. Il contest IT’SHORTS è aperto a tutti e la partecipazione è libera e gratuita. Il progetto grafico (disegno, pattern, fantasia, artwork…) dovrà essere preferibilmente attinente al mondo del cinema e in linea con lo stile di IT’S WATCH (per approfondimenti visitate il sito www.itswatch.it).

Per partecipare basterà inviare dal 26 aprile al 10 maggio il disegno del cinturino con un messaggio privato alla pagina Facebook di ShorTS (www.facebook.com/ Maremetraggio).

I lavori ritenuti idonei saranno pubblicati tutti insieme il 10 maggio sulla pagina Facebook di ShorTS affinché possano ricevere i Like utili alla valutazione finale (saranno validi solamente i Like delle immagini pubblicate sulla pagina ufficiale di ShorTS, pervenuti entro le ore 10.00 del 17 maggio).

In seguito alla votazione su Facebook, gli elaborati saranno sottoposti alla valutazione della commissione giudicatrice, composta dai rappresentanti dell’Associazione Maremetraggio e di IT’S WATCH, che selezionerà il vincitore individuando la proposta ritenuta più meritevole.

Il vincitore si aggiudicherà due orologi IT’S WATCH, uno con il cinturino che lo stesso ha disegnato ed uno con un cinturino della collezione p/e 2016.Cosa aspetti? Non perder tempo…

ShorTS cresce! Selezionati i corti in gara a Trieste dall’1 al 9 luglio 2016

ShorTS 2016 logo ufficialeTrieste – Sono corti, ma crescono ogni anno di più. Ad arrivare a Trieste – per partecipare alle selezioni della XVII edizione di ShorTS International Film Festival, che si svolgerà a Trieste da venerdì 1  a sabato 9 luglio 2016 – sono stati ben 1400 cortometraggi e di questi sono 94 i finalisti selezionati che gareggeranno per aggiudicarsi il premio di € 5.000 e i vari riconoscimenti in palio dopo essere stati proiettati  sul maxi schermo in piazza Verdi per diventare il numero uno dei cortometraggi in gara.

Vengono da 26 Paesi tra cui  Turchia,  Francia,  USA,  Spagna, Kenya, Egitto, Libano, Iraq e naturalmente l’Italia e sono 84 quelli che hanno già partecipato a diversi concorsi e vinto premi prestigiosi in tutto il mondo.

I restanti 10 sono i Last chance, cortometraggi che non hanno ancora mai ricevuto un premio e che Chiara Valenti Omero, presidente dell’associazione Maremetraggio e direttore artistico del festival, ha scelto, insieme ad un comitato di selezione composto quest’anno da Francesco Ruzzier e Daniela Crismani, tra una rosa di proposte filmiche prodotte da giovani esordienti e che di diritto entrano anche loro a far parte della gara per i  5.000 € in palio per il miglior corto del mondo.

Tra i vari riconoscimenti poi, quello per il regista italiano più interessante, il prestigioso premio “Studio Universal”, realizzato grazie al rinnovo della partnership tra l’Associazione Maremetraggio e Studio Universal (Mediaset Premium sul DTT) che consiste nell’acquisizione dei diritti Pay per la trasmissione televisiva al numero uno dei corti italiani, selezionato da una giuria interna al Canale. Premi anche al miglior corto d’animazione, al miglior montaggio italiano assegnato dall’AMC (Associazione Montaggio Cinematografico e Televisivo) e molti altri.  Confermato anche quest’anno il Premio TriesteCaffè assegnato dal pubblico che ogni sera affolla Piazza Verdi.

Tra i 94 cortometraggi selezionati per questa XVII edizione di ShorTS International Film Festival spicca il candidato agli Oscar Stutterer di Benjamin Cleary, (Regno Unito): un tipografo solitario e balbuziente, tanto da dover ricorrere al linguaggio dei segni, ma dalla voce interiore eloquente e dal pensiero profondo, trova sempre più difficile impegnarsi nella normale interazione sociale di tutti i giorni finchè conosce una ragazza su Facebook e arriva il giorno in cui dovrà incontrarla dal vivo.

Dai Paesi Bassi Hoe Ky Niels werd di Els Van Driel, un documentario su una bambina di 10 anni a cui piacciono i fuochi d’artificio e giocare a calcio. Infelice del suo corpo da femmina, decide di diventare un maschio dal nome Niels.

E non manca l’Italia con Il Principe, del triestino Davide Salucci: un corto animato in cui un Principe, come in ogni fiaba, ha il duro compito di salvare la Principessa e uccidere la Strega. Ma presto il nostro eroe si troverà di fronte a un paradosso irrisolvibile che riguarderà innanzitutto se stesso. Altri corti tratteranno poi tematiche come il terrorismo e l’omosessualità: dalla Spagna “Cuenta con nosotros” di Pablo Vara, un ironico racconto in cui un gruppo di terroristi ingaggia dei registi professionisti per filmare un’esecuzione mentre il francese Laurent Boileau ha inviato il suo Lady of the Night, un cortometraggio animato e raccontato attraverso una canzone.

Partono inoltre le iscrizioni per far parte della Giuria SWEETS4KIDS, la sezione di cortometraggi rivolta ad una fascia di età tra gli 8 e i 13 anni. Le iscrizioni alla “giuria dei 101” potranno essere effettuate dai genitori compilando l’apposito formulario www.maremetraggio.com.

UFFICIO STAMPA SARTOGO DANIELA

3428551242

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si è conclusa le 16° Edizione di ShorTS – Primo premio ex aequo di 10.000 EURO A HELIUM E FOOL’S DAY.

Anche quest’anno boom di pubblico all’International ShorTS Film Festival organizzato da Maremetraggio: sedi di proiezioni piene per questa 16.esima edizione del festival, con oltre 14000 presenze complessive tra Ariston, Piazza Verdi, Museo Revoltella, Teatro Verdi e Palazzo Gopcevich.

Nell’arco dei nove giorni della rassegna dieci le opere prime proposte e 89 i cortometraggi in gara e 27 le opere brevi in concorso per la nuova sezione SweeTS4Kids per un totale di 139 proiezioni insieme alla proiezione di “Bagaglio a mano” organizzata dall’associazione Mattador  e “I nostri ragazzi” ieri sera al Cinema Ariston.

Cody-Blue-Snider1

Cody Blue Snider

Vincono ex-aequo il PREMIO MAREMETRAGGIO AL MIGLIOR CORTO ASSOLUTO (10.000 euro) il danese Helium di Anders Walter e l’americano Fool’s Day di Cody Blue Snider.

Anders Walter Hansen

Anders Walter

 

La giuria della SEZIONE MAREMETRAGGIO, composta da Pipppo Delbono, Carlo Brancaleoni, Emanuela Genovese, Chiara Caselli,Luisa Morandini ha motivato così la decisione: «L’alto livello dei lavori selezionati ha trovato concorde la giuria nel dovere raggiungere un verdetto più ampio del singolo titolo. Abbiamo deciso di attribuire il premio Maremetraggio a due corti apparentemente diversi ma  profondamente uniti da una alta cifra professionale e artistica.

bobulova-1-3b

Le giurie, Sezione Maremetraggio e Sezione Nuove Impronte

Helium di Anders Walter é una storia delicata che unisce realtà e immaginazione, il mondo degli adulti e quello dei bambini, trasfigurando la paura del morire in un viaggio fantastico.

Cody Blue Snider, con Fool’s day, crea una surreale e caustica lettura della scuola elementare nordamericana. Con lucida e grottesca follia il regista racconta l’ingenua inconsapevolezza dei bambini nel prevedere le conseguenze delle proprie azioni. Entrambi i registi sono dei veri talenti.»

 MENZIONE SPECIALE a Thriller: in una Taranto tra passato e presente il regista riesce a far esplodere la creatività di un adolescente che si inserisce in un mondo operaio in lotta per la sopravvivenza. Giuseppe Marco Albano rivela un talento da incoraggiare.

Gli oltre 130 giurati della SEZIONE SWEETS4KIDS hanno decretato vincitore, tramite le votazioni effettuate durante le due giornate di proiezioni dei cortometraggi al Museo Revoltella – doppiati in diretta dagli attori Sara Hennah Galiza e Matteo Della Schiava – Psye di Siri Rutlin Harildstad.

La giuria della sezione OLTRE IL MURO ha deciso di premiare Child K di Roberto de Feo e Vito Palumbo: “un racconto sorprendente ed originale che colpisce con forza le corde delle emozioni”. Menzione speciale a L’attesa del Maggio di Simome Massi.

E L’attesa Del Maggio vince anche Il Premio Studio Universal “per l’originale e inconfondibile potenza espressiva dei suoi disegni animati capaci di raccontare in pochi minuti la relazione intima e simbiotica tra uomo, animali e natura circostante.” È questa la motivazione della giuria di Studio Universal (Mediaset Premium sul DTT) che ha deciso di assegnare il Premio del Canale – che consiste nell’acquisizione dei diritti del corto da trasmettere in Prima TV. Il cortometraggio vincitore andrà in onda in esclusiva Prima TV su Studio Universal lunedì 27 luglio alle 20:40 nel programma “A noi piace Corto” – magazine di informazione sul mondo dei corti – nell’ambito di una puntata speciale interamente dedicata a Maremetraggio.

L’attesa del Maggio è un film animato realizzato con la tecnica dei pastelli a olio su carta in bianco e nero. È una storia bucolica che mostra la natura nel mese di maggio.

Vince il PREMIO MAREMETRAGGIO AL MIGLIOR CORTO DI ANIMAZIONE Oripeaux: in un contesto dove l’unica donna é una bambina i registi Sonia Gerbeaud e Mathias de Panafieu raccontano,  con un tratto originale, una potente metafora sul dominio e sulla paura di aprirsi alle potenzialità di un mondo sconosciuto.

Il NUOVO PREMIO SPECIALE ALLA MIGLIOR PRODUZIONE ITALIANA è assegnato da Claudio Bonivento a La Valigia di Pier Paolo Paganelli e prodotto da Articolture.

bobulova-1-6w

Pier Paolo Paganelli

Il PREMIO ASSOCIAZIONE MONTATORI AL MIGLIOR MONTAGGIO ITALIANO è stato consegnato Alice Moine al corto italiano Ferdinand Knapp di Andrea Baldini perché “attraverso un abile intreccio tra piani di racconti paralleli, il montaggio contribuisce in maniera decisiva, con accelerazioni e pause egregiamente dosate, alla creazione di una sospensione continua tra sogno, realtà e follia e all’allucinazione che non abbandonano mai il protagonista, e lo spettatore, per tutta la durata del film”.

bobulova-1 copia

Duccio Chiarini e Andrea Baldini

Il Premio in collaborazione con IL PICCOLO per SHORTS SURF THE WEB va a Luigi e Vincenzo di Giuseppe Bucci che colleziona un numero di “consiglia” nettamente superiore agli altri sei in gara sul sito del giornale e provenienti da nazioni diverse. Il Premio è stato consegnato da Alberto Bollis vice direttore del giornale.

Il PREMIO TRIESTE CAFFE’ AL MIGLIOR CORTO VOTATO DAL PUBBLICO è stato assegnato A Drone Strike di Chris Richmond.

Infine la Giuria NUOVE IMPRONTE, rivolto alle opere prime in concorso e composta dall’attrice Barbora Bobulova, il regista Francesco Patierno e la produttrice di Indigo Francesca Cima ha decretato che la il miglior lungometraggio a vincere il PREMIO NUOVE IMPRONTE è Medeas di Andrea Pallaoro “per la potenza delle immagini, la cura di ogni dettaglio e una ricerca stilistica mai fine a se stessa ma sempre al servizio della storia”.

Sara Serraiocco (Cloro) vince il premio come migliore attrice “per la capacità di mettere in scena una gamma complessa di emozioni con una maturità artistica sorprendente per la sua età” mentre il premio miglior attore va a Daniele Savoca (The Repairman) “per essere riuscito a reggere un  intero film con la poetica e disarmante naturalezza del suo spiazzamento .”

bobulova-1-4wbobulova-1-5 copia

Il PREMIO DEL PUBBLICO BAKEL alla miglior opera prima va al più votato Short Skin DI Duccio Chiarini.