MARPICCOLO

REGIA / DIRECTOR ALESSANDRO DI ROBILANT
SOGGETTO / SUBJECT
ANDREA COTTI
SCENEGGIATURA / SCREENPLAY
ANDREA COTTI, LEONARDO FASOLI, MADDALENA RAVAGLI
FOTOGRAFIA / CINEMATOGRAPHER
DAVID SCOTT
MONTAGGIO / EDITING
ROBERTO MISSIROLI
SCENE /SET DECORATION
SABRINA BALESTRA
COSTUMI / COSTUME DESIGN
ILARIA ALBANES
MUSICA / MUSIC
MOKADELIC
SUONO / SOUND
DOLBY SR
CAST/ CAST
MICHELE RIONDINO, GIULIO BERANEK, ANNA FERRUZZO, GIORGIO COLANGELI, VALENTINA CARNELUTTI
GENERE / GENRE
DRAMMATICO – DRAMATIC
FPRMATO ORIGINALE / ORIGINAL FORMAT
35MM
DURATA / RUNNING TIME
87’
PAESE DI PRODUZIONE / COUNTRY OF PRODUCTION
ITALIA – ITALY
ANNO DI PRODUZIONE / YEAR OF PRODUCTION
2009
PRODUZIONE / PRODUCTION
RAI CINEMA, OVERLOOK ENTERTAINMENT
DISTRIBUZIONE / DISTRIBUTION
BOLERO FILM

Paolo VI, zona sud di Taranto. Un quartiere fatto di strade rotte, di autobus che non passano, di case prefabbricate, con la sagoma minacciosa dell’ILVA con i suoi veleni da una parte e dall’altra il profilo liquido del “marpiccolo”. Un quartiere dove non c’è niente, e dove quel che c’è è abusivo o illegale. Un quartiere al limite. E anche Tiziano è un ragazzo al limite. A scuola ci va poco e male, ha alle spalle una famiglia con molti problemi, fa lavoretti per Tonio, il boss locale, e sogna soltanto d’andarsene via. Per lui il futuro sembra segnato. E quando finisce al carcere minorile, pare non esserci più nessuna speranza. Ma Tiziano non è solo: intorno a lui De Nicola, l’educatore, la Costa, la professoressa d’Italiano, Stella, la sua ragazza, Lucia, la sua sorellina, e Maria, sua madre. E persino Franco, suo padre, in apparenza lontano e ostile. Tutti hanno fiducia in lui, non si lasciano demoralizzare, perché credono che Tiziano abbia una possibilità. E’ questa umanità dolente, buffa e contraddittoria che salva Tiziano. Ci saranno scelte difficili, tradimenti e riappacificazioni. Dolore e amore.

Paolo VI district, in the south of the city of Taranto. Disrupted streets, non-existent public transport, pre-fabs, the incumbent outline of the ILVA factory with its menacing venoms on the one side, the liquid profile of the “Mare Piccolo” on the other. There’s hardly anything there, and what’s there is violent and illegal. Tiziano is a borderline boy coming from a difficult family and facing a hopeless future, his girlfriend a beautiful young woman who just wants an ordinary life. Tiziano doesn’t go to school regularly, works on and off for Tonio, the local boss, and dreams he will go away one day. He lives for his mother, Maria, for his sister Lucia that he loves more than anything else, and for Stella, who loves him more than anything else. Then, there’s his Italian teacher, Mrs. Costa, who tells him that reading will save his life… But when Tiziano ends up in the minors prison there seems to be no hope left for him…

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.