“Opera prima” – Mostra Fotografica di Giuseppe Tornatore

In occasione della sesta edizione del Festival, l’Associazione Maremetraggio organizza una mostra fotografica del premio oscar Giuseppe Tornatore intitolata “Opera Prima”.

Le foto esposte in questa mostra sono quelle del periodo giovanile del regista, periodo in cui egli iniziava a interessarsi al cinema. Gli scatti da lui eseguiti, dal 1966 al 1979, sono per la maggior parte fatti per le strade di Bagheria in provincia di Palermo, suo paese natale. Tornatore ritrae un paesaggio cruciale nella storia del Sud Italia, avendo avuto l’amara fortuna di trovarsi in un luogo di osservazione quasi perfetto, ossia non le grandi città ma i paesi dell’hinterland siciliano. Quelle di Tornatore sono spesso foto di bambini e di anziani, nonché di persone che dormono e sonnecchiano. Sarà proprio il “sonno” una costante delle sue opere: mentre dormono in quella che sembra una eterna estate, i volti e i luoghi da lui fotografati diventano l’orrore urbanistico, paesaggistico, culturale e politico da tutti conosciuto. E lo splendido bianco e nero che caratterizza i suoi scatti contribuisce a raggelare ogni soggetto in un istante eterno, immutabile e privo di svolgimento.
Il percorso espositivo si svilupperà intorno a circa un centinaio di foto che sono il frutto di un approfondito lavoro sull’immagine come mezzo espressivo privilegiato. Opere come “Isidoro proiezionista del cinema a Roma” o come “Sulla soglia” contengono in nuce le tematiche care al regista, che le svilupperà nei suoi lungometraggi (Nuovo Cinema Paradiso, La leggenda del pianista sull’oceano, Malena). La fotografia assume dunque in quest’ottica il valore di un’opera prima (da cui il titolo della mostra), la cui piena evoluzione si tradurrà in quell’arte cinematografica di Tornatore che tutti conosciamo.
Per il suo valore di opera prima, di origine e di punto di partenza, è sembrato piuttosto sensato affiancare la mostra fotografica di un famoso regista italiano a un festival che concentra le sue ricerche sulla forma del cortometraggio, quasi a voler sottolineare quanto il corto – come in certi casi la fotografia – possa essere il punto di partenza imprescindibile dell’arte cinematografica.
La mostra aprirà i battenti il 1° Luglio a Trieste proprio per inaugurare il Festival di Maremetraggio, e si protrarrà per tutta la durata della manifestazione, rappresentando, ne siamo certi, un notevole valore aggiunto non solo per il festival ma anche per la città di Trieste
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.