La Realtà Virtuale torna a ShorTS IFF 2021

La 22° edizione del festival segna il ritorno in presenza anche di ShorTS Virtual Reality,
la sezione interamente dedicata ai corti girati in realtà virtuale.

Per cinque giorni dal 5 al 9 luglio alla Casa del Cinema di Trieste si terranno le proiezioni gratuite delle 13 opere in concorso:
gli ambienti di piazza Duca degli Abruzzi si trasformeranno in una sala cinematografica virtuale,
dove gli spettatori potranno sperimentare questa nuova tecnologia da postazioni singole dotate di visore e poltrone girevoli.


La realtà virtuale torna a Trieste. Dopo il successo degli anni passati, la 22° edizione
ShorTS International Film Festival, segna il ritorno in presenza anche della sezione competitiva ShorTS Virtual Reality, interamente dedicata ai corti girati in realtà virtuale.

L’appuntamento è per cinque giorni da giovedì 5 a venerdì 9 luglio, dalle ore 18:30 alle 20:30, presso la Casa del Cinema di Trieste, dove si terranno le proiezioni gratuite delle 13 opere in concorso: gli ambienti di piazza Duca degli Abruzzi si trasformeranno in una sala cinematografica virtuale, dove gli spettatori potranno sperimentare questa nuova tecnologia. Ciascuna postazione sarà dotata di un visore e di una poltrona girevole che permetterà di visionare i corti in concorso e di muoversi a 360° nello spazio per sperimentare un nuovo modo di fare cinema.

La sezione vedrà in gara quest’anno 13 cortometraggi realizzati con la tecnica della virtual reality in versione monoscopica o stereoscopica. Il corto vincitore si aggiudicherà il premio del pubblico dal valore di 2.000,00 euro.

I 13 corti in concorso provengono dai paesi più disparati, dagli Stati Uniti alla Cina, dall’Iran all’Australia, dalla Romania all’Italia, mentre i generi spaziano da opere più sperimentali fino a cortometraggi di fiction, passando per grandi temi di attualità, tutti accomunati dalla tecnica della realtà virtuale, grazie alla quale la tecnologia diventa un nuovo mezzo di espressione artistica, offrendo al pubblico di ShorTS un nuovo modo di vivere l’arte cinematografica.

Grazie alla tecnologia del VR sarà possibile vivere esperienze inimmaginabili e fuori dall’ordinario, all’insegna di grandi emozioni come quelle di Black Bag di Shao Qing, cortometraggio cinese in realtà virtuale che restituisce il suggestivo effetto artistico delle pennellate in 2D in una storia che solleva domande cruciali sulla natura umana. Al centro della vicenda il Sig. S, ex guardia di sicurezza militare e oggi normale impiegato di banca che fantastica su un’importante rapina: un sogno che, ben presto, diventerà realtà.

Arriva da Taiwan, invece, il cortometraggio Jiou Jia – Home di Hsu Chih-Yen, che attraverso un suggestivo piano sequenza delinea il ritratto di una famiglia e delle sue dinamiche relazionali. Grazie all’esperienza immersiva della realtà virtuale, lo spettatore assume il punto di vista della nonna inferma, intorno alla quale si riuniscono i membri del numeroso nucleo familiare durante un pomeriggio estivo. Un’opera toccante, che coinvolge lo spettatore in un dialogo perfetto tra reale e virtuale. 

Spazio anche al genere fantastico con l’opera svizzera La stanza di Hermann di Antonio Librera, una ghost story in VR ambientata in un albergo che ricorda l’Overlook Hotel di Shining. Il corto statunitense Hominidae di Brian Andrews offre un’esperienza immersiva nel genere fantascientifico, raccontando la storia di un ominide aracnide dal grande impatto visivo, così come la produzione francese Odyssey 1.4.9 di François Vautier, un viaggio mozzafiato in VR nel cuore degli effetti visivi di 2001: Odissea nello spazio in un tributo che svela i segreti del capolavoro di Stanley Kubrick.

Due le opere italiane selezionate, tra cui la produzione italo-indiana Om Devi: Sheroes Revolution del pluripremiato documentarista Claudio Casale, già autore di My Tyson, candidato ai Nastri d’Argento 2018, vincitore del premio come miglior documentario MigrArti alla 75a Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e del premio come Miglior Corto e Miglior Montaggio a ShorTS 2018, e di Shero, nella cinquina dei David di Donatello per il miglior cortometraggio 2021. Qui al suo esordio nella tecnica della realtà virtuale, il regista realizza un autentico viaggio nell’India di oggi, attraverso lo sguardo di tre donne che, in modi diversi, raccontano i loro sogni di uguaglianza di genere in un paese scosso dalle rivendicazioni per i diritti civili fondamentali. Arriva dall’Italia anche il cortometraggio VR Free di Milad Tangshir, prodotto da Valentina Noya – Associazione Museo Nazionale del Cinema e realizzato con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte grazie al bando Under35 Digital Video Contest. Il corto esplora l’essenza dei luoghi di detenzione della Casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, catturando la reazione di alcuni detenuti che guardano video immersivi sulla vita fuori dal carcere. Grazie all’utilizzo di visori VR e cuffie, i detenuti hanno virtualmente preso parte ad alcune situazioni pubbliche e intime che non possono più vivere, come una partita allo stadio, una festa in discoteca, l’incontro con la propria famiglia in un parco. Presentato in anteprima mondiale alla 76° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e selezionato a numerosi festival, il documentario di Milad Tangshir immerge lo spettatore nell’universo poco conosciuto del carcere, riaccendendo l’urgente discussione sugli spazi di detenzione.

“Il ritorno in presenza di ShorTS International Film Festival segna anche il ritorno del cinema immersivo” – spiega il video designer e creative technologist Antonio Giacomin, da quest’anno nuovo curatore della sezione ShorTS Virtual Reality“il ritorno della realtà virtuale in presenza dopo un anno di virtualità forzata, dopo l’edizione totalmente virtuale del 2020 della manifestazione. In un periodo dove i termini ‘virtuale’, ‘immersivo’, ‘in presenza’ sono ormai presenti nel quotidiano e ne siamo quasi assuefatti, il ritorno della sezione dedicata alla realtà virtuale – o meglio, di cinema immersivo in presenza – è un segno forte, di voglia di partecipazione, di confronto, di comprensione. Il cinema immersivo possiede una forza narrativa che permette all’autore di far osservare il suo mondo e il suo racconto da un punto di vista privilegiato per lasciare allo spettatore il tempo di trarre delle conclusioni del percorso ‘accompagnato’ che ha appena fatto. Possiamo dunque affermare con forza: bentornata ShorTS Virtual Reality in presenza!” 

Le proiezioni dei cortometraggi della sezione ShorTS Virtual Reality saranno a ingresso gratuito e con prenotazione obbligatoria: tutti i dettagli verranno comunicati prossimamente sul sito ufficiale del festival www.maremetraggio.com.

Il regista Giuseppe M. Gaudino protagonista di un omaggio speciale a ShorTS IFF

ShorTS IFF annuncia un omaggio al cineasta campano
Giuseppe M. Gaudino, che giovedì 8 luglio sarà protagonista di
un incontro con il pubblico al Cinema Ariston e di una masterclass online.

In programma la proiezione speciale del suo film “Giro di lune tra terra e mare”, che a 24 anni dalla prima uscita torna finalmente in sala in pellicola 35mm, e di “Per questi stretti morire (Cartografia di una passione)”
girato insieme a Isabella Sandri, anche sceneggiatrice e
produttrice del film, che sarà presente in sala.

ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica in programma dal vivo a Trieste e sul web dal 1 al 10 luglio, annuncia il focus “Rewind!”, curato da Luigi Abiusi e che quest’anno consiste nell’omaggio al regista Giuseppe M. Gaudino realizzato in collaborazione con la Cineteca Nazionale. 

Giovedì 8 luglio il cineasta di Pozzuoli (Napoli), autore di film misteriosi e ipnotici realizzati con un linguaggio poetico e personalissimo, sarà protagonista di una masterclass online condotta dal giornalista Luigi Abiusi e trasmessa sulla pagina Facebook del Festival, e di un incontro con il pubblico alle ore 20.00 presso il Cinema Ariston di Trieste che terrà insieme alla regista e produttrice Isabella Sandri.

In programma sempre giovedì 8 luglio la proiezione speciale del suo film “Giro di lune tra terra e mare” (1997), di cui è anche produttore e co-sceneggiatore insieme a Isabella Sandri, che a ventiquattro anni dalla sua partecipazione in Concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e dalla prima uscita nelle sale, torna finalmente al cinema e verrà proiettato al Festival ShorTS di Trieste in pellicola 35mm. Protagonista della narrazione è Pozzuoli, città natale del regista e luogo carico di storia antica e misteri, in cui una famiglia cerca di sopravvivere come può cambiando continuamente casa, in una zona devastata da terremoti, non solo naturali. Il film ha vinto numerosi riconoscimenti (tra cui il Tiger Award al Festival di Rotterdam, la Grolla d’Oro per la Regia a Saint- Vincent e il premio come Miglior Regista alla Semana dos Realizadores al Fantasporto) ed è stato selezionato in alcuni dei principali Festival del mondo.

La serata di giovedì 8 luglio proseguirà con la proiezione di “Per questi stretti morire (Cartografia di una passione)” (2010), girato da Gaudino insieme a Isabella Sandri che ne è anche sceneggiatrice e produttrice. Potente e suggestivo film documentario sulla figura dell’esploratore italiano Alberto Maria De Agostini, partito missionario per la Patagonia e la Terra del Fuoco nel 1910, l’opera è stata insignita del Premio Città di Imola come Miglior Film Italiano al Film Festival di Trento 2011 e del Premio Speciale della Giuria al 18° Premio Libero Bizzarri. In programma sempre per l’8 luglio anche la proiezione di uno dei numerosi cortometraggi girati da Gaudino, Aldis, amore 101, 102, 103”.

Nato a Pozzuoli nel 1957, Giuseppe M. Gaudino è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ha frequentato il DAMS, indirizzo Spettacolo, a Bologna, per poi diplomarsi nel 1982 al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma in Scenografia, specializzandosi successivamente in Regia Cinematografica e Televisiva.

Ha esordito nel 1985 con “Aldis”, che è stato selezionato a numerosi festival. Nel 1988 con il film “00580 Annotazioni per un Documentario su Pozzuoli” Gaudino inizia un racconto creativo sui Campi Flegrei, che si svilupperà poi nell’arco di ulteriori nuovi lavori filmici, documentaristici, radiofonici: “Per il Rione Terra”, “L’Assunta”, “Verso Baia”, “Giro di Lune: video-trailer per un progetto di film”, “Là dove Bocca, Sguardo e Cuore s’incontrano”. Alla XIV Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro nel 2000 riceve il Premio CinemAvvenire come Autore emergente del Cinema Italiano degli anni ‘90. Le sue opere successive guardano alla geografia contemporanea (Afghanistan, Medio Oriente, America Latina, Terra del Fuoco), sempre orientate alla sperimentazione di nuovi linguaggi e modelli produttivi.

Aperte le iscrizioni alla 24h ShorTS Comics Marathon!

Per la quinta volta ShorTS International Film Festival apre le porte anche al mondo del fumetto.
Sabato 3 e domenica 4 luglio 2021 prenderà vita la 24h Shorts Comics Marathon, la maratona di fumetto che chiederà a chiunque voglia partecipare di ideare e disegnare un fumetto di almeno 4 tavole in 24 ore.

Sotto la guida di giudici professionisti del mondo delle nuvole disegnate, i partecipanti dovranno seguire una consegna che unisce la nona arte al mondo del cinema, producendo una storia breve, un “cortometraggio a fumetti”.

Una delle novità è un ritorno alle origini: come la prima edizione le 24 ore saranno divise in due trance da 12, per dare così la possibilità a tutti i partecipanti di riposarsi e sfruttare appieno tutto il tempo disponibile.

Location del contest sarà la Casa del Cinema di Trieste, che accoglierà tutti i Triestini e limitrofi nel corretto rispetto di tutte le norme di sicurezza e distanziamento.
Nonostante il lento e speriamo inesorabile ritorno alla normalità, però, abbiamo voluto mantenere quella che è stata la “scommessa vinta” della scorsa edizione, la partecipazione on line di tutti coloro che vorranno mettersi alla prova da tutto l’Italico Paese, ad armi pari. Ai partecipanti dal vivo affiancheremo infatti quelli armati di webcam via Zoom per far concorrere chiunque voglia mettersi alla prova. Le opere migliori saranno raccolte ancora una volta in una pubblicazione cartacea.

Le iscrizioni sono aperte a questo link non prima di aver letto per bene il regolamento ufficiale.
Non aspettate altro tempo e salite anche voi a bordo!

Volontari ShorTS 2021!

Finalmente quest’anno lo ShorTS International Film Festival torna anche in presenza!
Siamo quindi di nuovo alla ricerca di volontari e volontarie per questa emozionante 22esima edizione

Se sei appassionato/a di cinema e ti incuriosisce capire cosa c’è dietro ad un importante evento cinematografico internazionale, hai trovato il posto giusto per te!

Collaborando con noi potrai entrare in contatto con attori, registi, produttori e altre persone che lavorano nel mondo del cinema, avendo quindi la possibilità di condividere con altri appassionati del settore opinioni, impressioni e soprattutto una bellissima esperienza! Inoltre, se conosci bene l’inglese o altre lingue straniere avrai la possibilità di esercitarle parlando con i numerosi ospiti provenienti da diverse parti del mondo.

Se deciderai di entrare a far parte del nostro fantastico team potrai contribuire, insieme a tutto lo staff del festival, alle principali attività necessarie per l’organizzazione dell’evento: allestimento degli spazi; ospitalità; assistenza di sala; promozione e accoglienza, in base alla tua disponibilità, alle tue attitudini e preferenze.

Se hai voglia di conoscere più a fondo questo mondo e sei una persona entusiasta e con spirito di iniziativa, fatti coinvolgere in questa vivace avventura! La tua partecipazione contribuirà a rendere ancora più speciale questa edizione del festival.

Per comunicarci disponibilità e preferenze dovrai compilare il modulo in basso, verrai ricontattato/a da noi; hai tempo fino al 11 giugno 2021 per inviarci la tua candidatura!

Grazie per l’aiuto, a presto!

lo staff di ShorTS

 

 

  • (Non ci è possibile accettare candidature di persone con età inferiore a 18 anni)
    Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • (indicare nome, anno e luogo dell'evento)
  • (indicare nome, anno e luogo dell'evento)
  • Lingue parlate

  • Specificare lingua e livello
  • Disponibilità

    Disponibilità indicativa nelle giornate che interessano il Festival, i preparativi e il disallestimento.

  • Indica quando saresti disponibile
  • Indica quando saresti disponibile
  • Indica se sei disponibile
  • È possibile esprimere anche più di una preferenza
  • Tipi di file accettati: jpg, gif, png.

Alice Rohrwacher è il Premio Cinema del Presente 2021

L’autrice di “Le meraviglie” e “Lazzaro felice”, premiati ai Festival di Cannes del 2014 e del 2018,  riceverà il riconoscimento che ogni anno la manifestazione triestina dedica a un particolare talento del cinema italiano.

ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica in programma dal vivo a Trieste e sul web dal 1 al 10 luglio, annuncia il Premio Cinema del Presente 2021

Sarà Alice Rohrwacher, acclamata regista di “Corpo celeste, “Le meraviglie”, “Lazzaro felice”, a essere insignita del Premio Cinema del Presente alla 22° edizione del Festival, riconoscimento attraverso il quale ogni anno la manifestazione triestina evidenzia l’originale sguardo e la creativa ispirazione di un cineasta italiano. 

“Alice Rohrwacher è autrice che racconta con sguardo immaginifico quanto realistico gli spazi naturali vissuti da corpi e anime su terre di forti radici familiari in bilico fra memoria e improvviso futuro, luoghi ove natura e campagna assorbono echi e frange della città” – dichiarano i direttori del Festival Chiara Valenti Omero e Maurizio di Rienzo – “La meraviglia sprigionata dalle sue storie a tratti fiabesche ha sorprendenti spessore fisico e colore sui volti dei personaggi, soprattutto di quelli giovanili, come filigrana intima di un presente che ha ancora un cuore antico. La sua regia si concentra, scorre e si alza in sequenze di dirompente equilibrio, inquadrando così la dura tenerezza della vita. Notevole e articolato il suo lavoro con attori ‘scoperti’ o ‘ridelineati’ nei lungometraggi ‘Corpo celeste’, ‘Le meraviglie’, ‘Lazzaro felice’; e sensibile è la continuità narrativa degli episodi da lei firmati di ‘L’amica geniale’, in cui le giovani protagoniste estrinsecano complicità, orgoglio,  scoperta, dolore, crescita, con peso sia tradizionale che rivoluzionario.”

Nata nel 1981 a Fiesole, in Toscana, Alice Rohrwacher ha studiato a Torino e Lisbona. Si è occupata di musica e di documentari, lavorando principalmente come montatrice e musicista per il teatro. Nel 2011 realizza “Corpo Celeste”, il suo primo lungometraggio, con il quale si aggiudica il Nastro d’argento come miglior regista esordiente. Il film è stato presentato in anteprima alla Quinzaine des réalisateurs del Festival di Cannes e poi selezionato ai Festival di Sundance, New York, Londra, Rio de Janeiro e Tokyo. 

Nel 2014 ha scritto e diretto “Le meraviglie” che vince il Gran Premio Speciale al Festival di Cannes, ove torna in Concorso nel 2018 con “Lazzaro felice” che ottiene il Premio per la sceneggiatura. Entrambi i film hanno partecipato a numerosi altri importanti Festival nel mondo. Nel 2020 ha diretto i due episodi ambientati a Ischia di “L’amica geniale. Storia del nuovo cognome”, la seconda stagione della serie televisiva di successo mondiale HBO-Rai Fiction tratta dalla tetralogia best seller di Elena Ferrante.

APERTE LE ISCRIZIONI ALLA GIURIA DI SHORTER KIDS’N’TEENS!

FILM & GELATO?

Entra a far parte della giuria che valuterà i migliori cortometraggi di Shorter Kids’n’Teens, la sezione del festival tutta dedicata a bambini e ragazzi.

Divertimento ed emozioni sono garantiti dal primo all’ultimo film!

Lascia i tuoi dati qui sotto e aspetta la nostra conferma con le istruzioni per partecipare.
Immergersi nel mondo del cinema non è mai stato così facile!

 

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA

Prorogata la deadline per le iscrizioni allo ShorTS Pitching Training

Rilassatevi, ma non troppo! Abbiamo prorogato la deadline per le iscrizioni!
Avete tempo ancora fino al 22 maggio 2021 per iscrivere il vostro progetto per un cortometraggio. Tutte le informazioni e il form online per l’iscrizione sono disponibili qui.

Vi ricordiamo che per partecipare al workshop è necessario essere già in possesso di un progetto per un cortometraggio e di tutti i materiali richiesti nel form per presentare la domanda.
La domanda per partecipare è gratuita. I partecipanti che verranno selezionati dovranno pagare una fee di 30 euro per la partecipazione al workshop.
I 5 progetti selezionati verranno pubblicati il 30 maggio.

Buona fortuna!

Il Racconto della Scrittura

ShorTS International Film Festival
organizza un workshop gratuito
in ricordo di Riccardo Visintin

 

L’iniziativa è dedicata al ricordo di Riccardo Visintin, storico
collaboratore del Festival, ed è rivolta a tutti coloro che
desiderano cimentarsi nella stesura di una sceneggiatura
per la realizzazione di un cortometraggio cinematografico.

 

ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica triestina giunta alla sua 22° edizione che quest’anno si svolgerà dal vivo e sul web dal 1 al 10 luglio 2021, annuncia “Il racconto della scrittura”, un workshop gratuito dedicato al ricordo di Riccardo Visintin, storico collaboratore del festival e autore dei “Diari di Bordo” della manifestazione, vere e proprie pillole di critica cinematografica sui film in concorso nelle varie edizioni di ShorTS.

“Con questo workshop vogliamo ricordare Riccardo” – spiega Chiara Valenti Omero, presidente e co-direttrice di ShorTS International Film Festival – “la sua creatività e capacità di scrittura che ha sempre trasmesso l’amore per ciò che faceva oltre ad una cultura – non solo cinematografica – immensa”.

“Il racconto della scrittura” avrà una durata di tre giorni e si svolgerà l’11, 12 e 13 giugno presso la Casa del Cinema di Trieste, in Piazza Duca degli Abruzzi, 3. Il workshop si rivolge, per un massimo di 6 partecipanti, a tutti coloro che desiderano cimentarsi nella stesura di una sceneggiatura per la realizzazione di un cortometraggio, con lo scopo di potenziare e stimolare la creatività nello storytelling attraverso sessioni di lavoro collettive e incontri individuali. Ai partecipanti non sono richieste precedenti esperienze in ambito cinematografico o in un altro settore artistico. 

Per candidarsi è necessario inviare entro il 30 maggio la propria richiesta di partecipazione attraverso la compilazione di  un form on-line, insieme a una breve descrizione dell’idea di sceneggiatura che si vuole sviluppare e la motivazione della propria scelta.

Durante il workshop i partecipanti verranno affiancati dai due docenti Massimiliano Nardulli e Giovanni Vanoli che, attraverso incontri individuali e collettivi, illustreranno gli strumenti indispensabili e propedeutici al lavoro di stesura della sceneggiatura, assegnando anche esercizi personalizzati in vista dell’ultima giornata di lavoro, quando i docenti incontreranno a turno ciascun partecipante per valutare individualmente il lavoro svolto e analizzare insieme le competenze acquisite.

 

 

Le iscrizioni al Workshop “Il racconto della scrittura” sono chiuse.

 

Masterclass con il regista Davide del Degan

Giovedì 6 maggio il regista triestino terrà una Masterclass online dedicata ai dipendenti di AcegasApsAmga e Gruppo Hera
in collaborazione con ShorTS International Film Festival.

All’incontro parteciperanno 55 dipendenti del Gruppo Hera, che andranno a comporre la giuria per l’assegnazione
del Premio AcegasApsAmga di 3.000 euro al miglior corto italiano della 22° edizione del Festival cinematografico triestino.

 

Giovedì 6 maggio alle ore 18.00 il regista triestino Davide del Degan terrà una masterclass online dedicata ai dipendenti di AcegasApsAmga e Gruppo Hera in collaborazione con ShorTS International Film Festival.

All’incontro sulla piattaforma Zoom parteciperanno i 55 dipendenti del Gruppo Hera, che hanno aderito all’iniziativa e che potranno andare a comporre la giuria per l’assegnazione del Premio AcegasApsAmga al miglior corto italiano della 22° edizione del Festival cinematografico triestino, in programma online e dal vivo nel capoluogo giuliano dal 1 al 10 luglio 2021. Il prestigioso riconoscimento, tra le novità dell’edizione 2021 della manifestazione, prevede un premio in denaro di 3.000 euro al miglior cortometraggio italiano.

Nel mese di giugno i giurati, dopo aver visionato in autonomia i cortometraggi italiani selezionati, parteciperanno a un altro incontro con i 5 registi di altrettanti corti che entreranno nella short list, a cui seguirà un ulteriore incontro finale con il regista Davide del Degan per decretare l’opera vincitrice.
Dopo l’iniziativa dello scorso anno, che aveva già visto un’adesione convinta da parte dei dipendenti del gruppo, si consolida per questa edizione la proposta di ShorTS IFF, che farà da “capofila” per la realizzazione della medesima iniziativa nell’ambito di altri festival di cortometraggi di cui Gruppo Hera è partner.

 

Tuffati nella fresca selezione della storica sezione Maremetraggio!

81 corti da tutto il mondo in concorso
nella sezione Maremetraggio

 

La manifestazione triestina, quest’anno in programma dal vivo e
sul web dal 1 al 10 luglio 2021, annuncia la storica sezione dedicata
ai cortometraggi premiati nei maggiori festival internazionali.

La selezione 2021 vede concorrere 81 opere provenienti da 44 paesi
diversi, con generi che spaziano dall’animazione all’attualità.
Dietro la macchina da presa moltissime registe donne,
cineasti italiani e candidati ai premi Oscar.

I corti della sezione Maremetraggio saranno valutati da una giuria
internazionale, composta dalla regista e sceneggiatrice tedesca Ella Cieslinski,
dall’attrice francese Nadia Kibout e dal regista e produttore Amos Geva.

 

81 cortometraggi provenienti da 44 paesi diversi. Questi i numeri di Maremetraggio, storica sezione competitiva dedicata ai corti di ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica triestina giunta alla sua 22° edizione che quest’anno si svolgerà dal vivo e sul web dal 1 al 10 luglio 2021.

Nella sezione Maremetraggio concorrono i migliori corti provenienti da tutto il mondo e che, nel corso del 2020, sono stati premiati nei principali festival internazionali, come “Nina” di Hristo Simeonov, cortometraggio bulgaro candidato agli European Film Awards 2020 e vincitore di numerosi riconoscimenti, tra cui il Prix Hans Christian Andersen, con protagonista una bambina di 13 anni decisa a fuggire dal prepotente Vassil, che vorrebbe farla diventare una borseggiatrice. Arriva dai Paesi Bassi “Marlon Brando” di Vincent Tilanus, tra i corti della Semaine de la Critique di Cannes 2020 e in corsa per gli EFA 2021, che racconta la storia di un’amicizia fraterna tra due adolescenti, minacciata dai loro piani per il futuro che potrebbero allontanarli. Candidato agli Oscar 2021 è invece il cortometraggio belga-ghanese “Da Yie” di Anthony Nti che, attraverso due giovanissimi protagonisti, firma il ritratto di un mondo spietato, sorretto da interpretazioni impeccabili e da una regia di inquietante delicatezza. Il viaggio per ricongiungersi con la persona amata è al centro di “I am afraid to forget your face” di Sameh Alaa, vincitore della Palma d’oro al Festival di Cannes 2020, nonché il primo film egiziano in 50 anni ad aver partecipato al concorso cortometraggi. Premiata in tutto il mondo anche la regista vietnamita Linh Duong, che partecipa a ShorTS 2021 con il cortometraggio “A trip to Heaven”, che ci porta su un autobus lungo il Delta del Mekong dove una donna incontra una vecchia fiamma di gioventù. Il viaggio prosegue con il cortometraggio prodotto in Turchia “Pilgrims” dei registi iraniani Ali Asgari e Farnoosh Samadi, in cui due bambini decidono di trasgredire al volere del padre e partire per Istanbul alla ricerca della loro madre.

Tra le opere italiane in concorso troviamo “Gas Station” della casertana Olga Torrico, regista e interprete del corto che al Festival di Venezia si è aggiudicato il Premio SIC@SIC Short Italian Cinema come miglior contributo tecnico. Dalla selezione di Alice nella città arriva “Ape Regina” di Nicola Sorcinelli, che racconta una storia di solidarietà e accoglienza. Dall’Italia anche “La tecnica” di Clemente De Muro e Davide Mardegan, presentato al Leeds International Film Festival e al Torino Film Festival, che affronta il tema del primo amore, e il corto “Il confine è un bosco” del regista friulano Giorgio Milocco e prodotto dalla società Quasar, anch’essa friulana, e selezionato al Los Angeles Italia Film Festival. Una storia di confini fisici e interiori, raccontata attraverso la vicenda di un uomo alle soglie della terza età che vive lontano dalla sua terra d’origine. Protagonista è Ivan, un operaio di sessant’anni, nato in ex Jugoslavia, che vive con sua moglie in un paesino del Friuli chiamato Torviscosa. Un giorno decide di intraprendere un viaggio che lo riporterà nei luoghi della sua infanzia, nel tentativo di espiare un senso di colpa che fin da bambino porta dentro di sé.

Ampio spazio all’animazione, tra cui il corto francese “Sheep, Wolf and A Cup of tea” di Marion Lacourt, che attraverso l’animazione 2D ricrea un onirico mondo dell’infanzia, l’opera italiana “Solitaire” di Edoardo Natoli, che sceglie la tecnica della stop-motion per raccontare una toccante storia di solitudine, o ancora “Your own bullshit” di Daria Kopiec, cortometraggio polacco giocoso e poetico sempre in stop-motion.

Le 81 opere in gara si contenderanno il prestigioso premio Estenergy/Gruppo Hera al miglior cortometraggio consistente in 5.000 euro, mentre la novità sarà l’introduzione di un premio in denaro di 3.000 euro anche al miglior corto italiano (premio AcegasApsAmga), assegnato anche quest’anno da una giuria interamente composta da dipendenti del gruppo al termine di un percorso formativo che inizierà il 6 maggio con la Masterclass del regista Davide del Degan. In palio anche il Premio AMC per il miglior montaggio italiano. Confermato inoltre il Premio assegnato dal pubblico di MYmovies.

Dichiara il compositore e programmatore Massimiliano Nardulli, da quest’anno nuovo curatore della sezione Maremetraggio, già responsabile artistico di numerosi festival internazionali tra cui Brest European Short Film Festival, Festival de Biarritz Amérique Latine, Internationale Kurzfilmtage Winterthur e !F Istanbul, oltre che membro votante dell’Académie des Arts et Technique du Cinéma – César (Francia) e dei Premi Gopo (Romania): “Credo che la selezione che presentiamo, forse anche trasportata dalle ali dell’entusiasmo di questa mia prima esperienza come programmatore di questo festival storico e prestigioso, risponda ai sogni e bisogni che ogni esperienza cinematografica debba offrire ad ogni spettatore. Ed oggi più che mai è importante nutrirsi di storie e visioni provenienti dai più disparati angoli del nostro pianeta.”

I corti della sezione Maremetraggio saranno valutati da una giuria internazionale, composta dalla regista e sceneggiatrice tedesca Ella Cieslinski, dall’attrice franco-algerina Nadia Kibout e dal regista e produttore Amos Geva, responsabile internazionale della piattaforma israeliana on-line T-Port.

 

500 Calories di Cristina Spina
54 / The Blind Turtle and the Endless Sea di Isabella Margara
A ninguna parte (Into Nothingness) di Manu Manrique
Affascin di Elisa Baccolo
Al-Sit di Suzannah Mirghani
Anche gli uomini hanno fame (Men Are Hungry Too) di Gabriele Licchelli, Francesco Lorusso, Andrea Settembrini
Ape Regina (Queen Bee) di Nicola Sorcinelli
Artgerecht (Organic Love) di Carly Coco Schrader
Aura di Chun Chun Chang
Balkanika di Lu Pulici
Bambirak di Zamarin Wahdat
Cayenne di Simon Gionet
Charon di Yannick Karcher
The Cloud Is Still There di Mickey Lai
Il confine è un bosco (My Border, My Forest) di Giorgio Milocco
Cris Superstar di Guillermo Fernández Groizard
Da Yie di Anthony Nti
Da-Dzma (A Sister and a Brother) di Jaro Minne
Dante. Beatrice di Iryna Kodjukova
David di Zach Woods
Day-in Day-out di Anna Török
Les deux couillons (The Two Idiots) di Thibault Segouin
Dis moi oui (Tell Me Yes) di Sophie Clavaizolle
Dye Red di Vittoria Campaner
Eggshell di Ryan William Harris
Entre tú y Milagros (Between You and Milagros) di Mariana Saffon Ramírez
Excuse Me, Miss, Miss, Miss di Sonny Calvento
Explosionen av en badring (The Explosion of a Swimming Ring) di Tommi Seitajoki
Ferrotipos di Nüll García
Gas Station di Olga Torrico
La grande onda (The Big Wave) di Francesco Tortorella
I Am Afraid to Forget Your Face di Sameh Alaa
Interstate 8 di Anne Thieme
It’s Desmond (Your Misguided Tour Guide) di Daniela Di Salvo
Ja i moja gruba dupa (My Fat Arse and I) di Yelyzaveta Pysmak
Jeep Boys di Alec Pronovost
Kilt di Rakel Ström
Knitting Club for Men over 40 di Egor Gavrilin
Kosher di Gideon Imagor
Lah gah (Letting Go) di Cécile Brun
Magnética di Marco Arruda
Marlon Brando di Vincent Tilanus
Martin est tombé d’un toit (Martin Fell from a Roof) di Matías Ganz
Masmelos di Duván Duque
May I Have This Seat? di Tabish Habib
Migrations di Jerome Peters
Navazandeh (Musician) di Mohsen Mehri Darouei
Nina di Hristo Simeonov
Noite perpétua (Perpetual Night) di Pedro Peralta
Numéro 10 di Florence Bamba
Los océanos son los verdaderos continentes (The Oceans Are the Real Continents) di Tommaso Santambrogio
Pain di Anna Rose Duckworth
Painting by Numbers di Radheya Jegatheva
Paranoia! di Dilek Kulekci
Pendeja (Stupid) di Sebastián Torres
Plava granica (Blue Frontier) di Ivan Milosavljević
Play for Everyone di Ivan Petukhov
Plot (Cone) di Sébastien Auger
Pustolovine Glorije Scott – Umorstvo u katedrali (The Adventures of Gloria Scott – Murder in the Cathedral) di Matija Pisačić, Tvrtko Rašpolić
Sad Beauty di Arjan Brentjes
Les saisons sauvages (Wild Seasons) di Nathalie Giraud
Sheep, Wolf and a Cup of Tea… (Moutons, loup et tasse de thé…) di Marion Lacourt
El silencio del rio (The Silence of the River) di Francesca Canepa
Simulation of Mr. Yellow di Mahan Khomamipour
Skräpytan (Wasteland) di Daniel Milton
Solitaire di Edoardo Natoli
Stephanie di Leonardo van Dijl
Sticker di Georgi M. Unkovski
La tecnica di Clemente De Muro, Davide Mardegan
Teslimat (The Delivery) di Doğuş Özokutan
Thiên đường gọi tê (A Trip to Heaven) di Linh Duong
Toi aussi ça te chatouille? (Do You Also Feel a Tingle?) di Lucía Valverde
Tres pasos (Three Steps) di Antonello Matarazzo
Välguga löödud (Struck by Lightning) di Raul Esko, Romet Esko
Virago di Kerli Kirch Schneider
Viskas gerai (It’s Alright) di Jorūnė Greičiūtė
Wet & Soppy di Cliona Noonan
Wild Grass di Shan Wu
Własne śmieci (Your Own Bullshit) di Daria Kopiec
Wood Child and Hidden Forest Mother di Stephen Irwin
Yolcular (Pilgrims) di Farnoosh Samadi, Ali Asgari

 

 

ShorTS International Film Festival è realizzato con il contributo di: Mibact – Direzione Generale Cinema, Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura, Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alle Attività Produttive e al Turismo, Comune di Trieste,  EstEnergy – Gruppo Hera, AcegasApsAmga. Partner tecnico MYmovies. Si ringrazia la Fondazione K. F. Casali.