L.City

L.City vuole essere una poesia visiva su un amore perduto in una città perduta…

Regia: Sandro Del Rosario
Sceneggiatura: Sandro Del Rosario
Musica: L. Picket, S. Robles, S. Behnen, S. Del Rosario
Formato: 16 Mm
Durata: 8’
Produzione: Sandro Del Rosario

BIOGRAFIA: Sandro Del Rosario è nato in Italia nel 1968. Ha studiato disegno grafico at I.S.I.A Urbino. Ha portato su video una sua idea di animazione “….E’ così sia”. Infatuato dal cinema e dai film d’animazione. Nel 1988 vinse la borsa di studio Fulbright e si iscrisse al programma di “Animazione Sperimentale” alla California Institute of Arts. L. City è la sua tesi presentata a questo Istituto.

Sandro Del Rosario born in Italy in 1968. Studied Graphics Design at I.S.I.A. – Urbino. Made himself-taught animation video “…..E’ così sia!”. Infatuated with cinema and animation film. In 1988 won a Fulbright scholarship and entered “experimental Animation” program at California Institute of Arts. L.City is his thesis at the California Institude of Arts.

SIENA INTERNATIONAL SHORT FILM FESTIVAL

L.City vuole essere una poesia visiva su un amore perduto in una città perduta. E’ un film basato sulle emozioni, dove atmosfere esterne, tempo e suono rispecchiano stati d’animo interiori, con la tipica struttura disgiunta e non lineare dei sogni. L.City è stato realizzato con ritagli di fotografie e di fotocopie, luci e ombre, animate e riprese a scatto singolo, fotogramma per fotogramma, in una costante ricerca di un nuovo modo astratto di fare Cinema.

L.City wants to be a visual poem about a lost love in a lost town. It is a film based on emotions, where exterior atmospheres, time and sound reflect interior states of mind, with the typical separated structure and not linear as in dreams. L.City has been made with picture pieces and of photocopies, lights and shadows, animated and taken with a single shoot, frame after frame, in a constant search of a new abstract way of producing Cinema.

 

Bbobbolone

Aurelio è un 35enne scansafatiche meridionale che viene coinvolto da due strampalati rapinatori in una rapina alle Poste…

Regia: Daniele Cascella
Sceneggiatura: Stefano Mascocci, Domenico Tomassetti
Fotografia: Italo Pesce Delfino
Musica: Bulgaro & Aidan Zammit
Cast: M. De Virgilio, P. De Vita, M. Mancini, F. Rasi
Formato: 35 Mm
Durata: 10’
Produzione: Riverfilm – via Pomezia 11 – 00100 Roma – Tel. +39 06 70454723
Fax +39 06 70497175 e-mail: riverfilm@tin.it

BIOGRAFIA: Daniele Cascella aiuto regista per produzioni televisive ( “Le ali della vita 2”, Canale 5) e cinematografiche (“Figlio di Annibale” di Davide Ferrario, “La via degli Angeli” di Pupi Avati), ha diretto a Roma il cortometraggio “Verso Roma” e il documentario “Chi era Piripicchio?”

Daniele Cascella assistant director for television production (“Le ali della vita 2”, Canale 5) as for film productions (“Figlio di Annibale” by Davide Ferrario, “la via degli angeli” by Pupi Avati), has directed in Rome the short “Verso Roma” and the documentary “who was Piripicchio?”

CAPALBIO

Aurelio è un 35enne scansafatiche meridionale che viene coinvolto da due strampalati rapinatori in una rapina alle Poste. Il suo compito è quello di fare da palo e di dare il via all’operazione, controllando poi che tutto vada per il verso giusto. Ma al momento cruciale, avviene qualcosa. Guardando una partita di pallone giocata da dei ragazzini, gli riaffiora un trauma infantile mai rimarginato…

Aurelio is a 35 years old south loafer who is involved with two odd robbers in a Post Office robbery. His job is that of a lookout and to give the start to the operation, checking that everything goes as planned. However, at the crucial point, something happens. Watching a football match between boys, an old child trauma, never healed, reappears.

 

Racconto di guerra

In una Sarajevo stravolta dalla guerra, un gruppo di paramilitari utilizza i bambini che non hanno più casa nè famiglia per saccheggiare gli edifici appena bombardati…

Regia: Mario Amura
Sceneggiatura: M. Amura, R. Brun
Fotografia: Vladan Radovic
Musica: Matteo Bennici
Cast: C. Tomic, J. Gravanovic, E. Sijamija
Formato: 35 Mm
Durata: 18’ 30’’
Produzione: Studio Bici Tel. +39 081 8834898

Biografia: Mario Amura e’ nato a Napoli nel 1973. Laureato in legge, dopo una lunga esperienza come reporter si iscrive alla Scuola Nazionale di Cinema diplomandosi nel 1999 in fotografia cinematografica. E’ direttore della fotografia di numerosi cortometraggi e film. Racconto di guerra e’ il suo primo cortometraggio.

Mario Amura was born in Naples in 1973. Graduate in law, after a long experience as reporter joins the Scuola Nazionale di Cinema qualifying in 1999 in cinema photography. Is director of photography for many short-films and films. Racconto di guerra is his first short.

DAVID DI DONATELLO

In una Sarajevo stravolta dalla guerra, un gruppo di paramilitari utilizza i bambini che non hanno più casa né famiglia per saccheggiare gli edifici appena bombardati. In cambio li lasciano abitare nella vecchia fabbrica, gli danno da mangiare e non li uccidono.

In a Sarajevo traumatised by the war, a group of paramilitaries use children who have no homes or families for ransack the buildings just bombed. In exchange they let them live in a old factory. In exchange they are fed. In exchange they don’t kill them.

 

Il vuoto

Una ragazza in fuga in una acciaieria dimessa tra spazi irreali e memorie dimenticate…

Regia: GIACOMO GATTI
Sceneggiatura: GIACOMO GATTI, MICHELE SALIMBENI
Fotografia: ENZO FUMAGALLI
Musica: S. BRESEGHELLO, R. MARCUCCI
Cast: E. NIGRO, C. GALLI, I. BEDOGNI, M. PASINI
Durata: 9′
Formato: BETACAM SP
Produzione:
Torrevado e Giacomo Gatti, Enzo Fumagalli, Stefano Leitner
Giacomo Gatti – via Pitagora 10 – 20082 BinascoMi) Tel. e Fax +39 02 9055777
e-mail: giacomo.gatti@tiscali.it www.ilvuoto.com
 

BIOGRAFIA: Giacomo Gatti nasce a Milano nel 1972. Realizza cortometraggi dall’età di quattordici anni. Lavora in pubblicità a Milano come aiuto regista. Si occupa di critica cinematografica, televisione e tiene corsi di regia e montaggio cinematografico.

Giacomo Gatti was born in Milan in 1972. He makes shorts films at the age of 14. Works in publicity in Milan as director helper. He engages himself in cinema critics, television and gives courses for film directing and editing.

ARCIPELAGO

Un ragazzo in fuga in una acciaieria dimessa tra spazi irreali e memorie dimenticate. Sviene, perde i sensi. Dopo poco si risveglia. La fabbrica gli appare come una balena sventata. Il suo sguardo diventa visione: evoca presenze del passato remoto. Un bambino, l’innocenza dell’infanzia, e lfigenia, l’adolescenza violata negata interrotta.

A boy escaping in a dismissed steelwork among unreal spaces and forgotten memories. Faints lose his senses. After a short time he wakes up. The old factory appears as a disembowelled whale. His look becomes a vision: it evokes presence from the past. A child, the innocence of the infancy. The adolescence violated, denied, interrupted.