Diario di Bordo – Day 01

Madrid, la Plaza de Toros, la crudeltà gratuita sotto gli occhi degli spettatori;  oppure Londra, il vortice umano di Trafalgar Square; od ancora Roma, il lancinante confronto tra il glamour di Via Veneto e la periferia desolata di Porta Furba. Il Cinema permette di viaggiare ovunque senza spostarsi dal perimetro della propria poltrona. Il Cinema è la missione ed il compito quotidiano di SHORTS INTERNATIONAL FILM FESTIVAL, giunto con orgoglio alla sua diciannovesima edizione. Conferenza stampa al Caffè San Marco venerdì 22 giugno, giornata di pioggia ma all’interno dello storico locale tutto sa di Storia, arabeschi e stucchi compresi.

Un altro venerdì importante è quello del 29 giugno, apertura ufficiale di una manifestazione quanto mai ricca di eventi e di momenti di incontro.

Lo schermo si accende su un tunnel caleidoscopico e coloratissimo: la parabola della formica errante di OVERRUN della coppia Ropars-Derory e un’occasione straordinariamente puntuale; ci porta infatti ad una riflessione doppia sul genere animale e su quello umano.

Nicola Sarcinelli è invece l’autore del dramma marino MOBY DICK, che si avvale di un’interpretazione quasi muta di Katia Smuniak, e ci parla di appartenenza e di immigrazione in un climax costantemente serrato.

Contesto sociale degradato, un mondo di giovani uomini di colore che sostituiscono la figura del padre con quella del fratello, poi basta un soffio e l’equilibrio conquistato viene annullato dalla polvere da sparo; tematiche ben rese sullo schermo da Ben Holman per il suo THE GOOD FIGHT.

I francesi, che tipi! esiste sempre nel loro narrare quel senso di snobismo caustico e corrosivo, che li porta ad analizzare con perfidia pregi e difetti. La coppia Castréra-Ravach dice la sua con JUSTICE, che si avvale anche di un non comune lavoro di montaggio. Una storia d’amore vive di sussulti e di spasimi, e nel bello e nell’atroce trova un suo spazio comportamentale; la coppia di FOREVER NOW è immortalata in mille momenti piccoli e grandi, lenzuola gonfie di pianto e particelle di felicità.

Dirige Kristian Haskjold, che proviene dalla Danimarca. Alla Francia va ascritto anche un senso visivo corrosivo e rosa- shocking ben rappresentato da BELLE A CROQUER di Axel Courtière, che sembra omaggiare certi artisti variopinti come Plastic Bertrand; qui a farci ridere sono dei personaggi impegnati in improbabili contatti amorosi.

Quanto si può sbagliare dietro la macchina da presa, quali sono gli errori od addirittura gli orrori in agguato dietro ai vicoli della narrazione? Attraverso un germogliante gioco di brevi scene esprime qualcosa in merito l’argentino Porta con il suo PEQUEÑO MANIFIESTO EN CONTRA DEL CINE SOLEMNE.

On the beach, cantava tanti anni fa il pregevole cantautore australiano Chris Rea, ed in effetti di avventure estive sulla spiaggia ne capitano svariate. Nei due minuti d’animazione NIK SUMMER # 1 di  Oscar Aubry non permette ai suoi piccoli personaggi una tranquilla permanenza sulla sabbia.

Di  tutt’altro tenore il contesto suburbano astemio di carezze e di consolazioni voluto dalla regista Rossella Inglese per il suo DENISE. Siamo di fronte ad una storia che allinea le tematiche del bullismo e della maladolescenza sfruttando un linguaggio crudo quasi urticante.

Lo schermo propone in chiusura di serata un lavoro composito e di non facilissima comprensione come TRANSMISSION della coppia Raman-Hancock; un gioco al massacro ed insieme una crudele e disperata ricerca dell’espiazione, l’amore e la morte come guardiane alle quali chiedere le chiavi della vita.

Qualcuno dotato di spirito umoristico disse una volta che il voyeur è quel personaggio che va alle Folìe- Bergere ed invece delle ballerine osserva il pubblico.

Dotta disquisizione, visto che il pubblico rappresenta sempre uno straordinario serbatoio di emozioni e sensazioni, quasi mai le une uguali alle altre.

Alcune file davanti a noi alcune bambine osservano rapite le immagini che passano sullo schermo, ed il loro stupore disarmante è un’immagine positiva e poetica con la quale congedarsi.

Appuntamento a sabato sera.

[:it]Eventi speciali[:en]Special Events[:]

[:it]

Eventi Speciali

Viale Giorgio Morandi di Giovanni Piperno

2 pennellate di Diego Cenetiempo

Non può essere sempre estate di Margherita Panizon

Dear BasketBall di Glen Keane

I tre usi del compasso di Ivan Gergolet

Tumaranké di Re-Future Project

Il signor Rotpeter di Antonietta De Lillo

Rabbia furiosa – Er Canaro di Sergio Stivaletti

Riccardo va all’inferno di Roberta Torre

Io sì tu no di Sidney Sibilia

[:en]

Special Events

Viale Giorgio Morandi by Giovanni Piperno

2 pennellate by Diego Cenetiempo

Non può essere sempre estate by Margherita Panizon

Dear BasketBall by Glen Keane

I tre usi del compasso by Ivan Gergolet

Tumaranké by Re-Future Project

Il signor Rotpeter by Antonietta De Lillo

Rabbia furiosa – Er Canaro by Sergio Stivaletti

Riccardo va all’inferno by Roberta Torre

Io sì tu no by Sidney Sibilia

[:]

Foto dal Festival

IMG_2390

IMG_2099

IMG_1919

DSC04488

IMG_1571

OMD-1395

DSC03526

DSC03063

IMG_0823

Conferenza stampa 2018

Programma

Scarica qui il programma di sala completo!

Cartella stampa

Comunicato stampa EstEnergy – Hera Comm

Comunicato stampa Crédit Agricole FriulAdria

Comunicato stampa IKON

Comunicato stampa Studio Universal

Comunicato stampa MyMovies

Comunicato stampa Fondazione Ente dello Spettacolo

Comunicato Radio Immaginaria

Comunicato stampa Città Visibile

 

 

Thriller, fantascienza e malavita: I Manetti Bros ospiti a ShorTS

Thriller, fantascienza e malavita: I Manetti Bros ospiti a ShorTS International Film Festival 2018

Annunciato nel corso della conferenza stampa di questa mattina l’omaggio alla cinematografia di Marco e Antonio Manetti.

I due registi parteciperanno al festival triestino, in programma dal 29 giugno al 7 luglio, dove verrà proiettato il meglio della loro filmografia, dai primi lungometraggi
fino al pluripremiato “Ammore e Malavita”.

Venerdì 22 giugno, Trieste – Nel corso della conferenza stampa di questa mattina della 19° edizione ShorTS International Film Festival, in programma dal 29 giugno al 7 luglio a Trieste, l’organizzazione ha annunciato l’omaggio alla filmografia dei Fratelli Manetti.

L’edizione 2018 del Festival triestino vedrà, tra gli altri, protagonisti i due registi romani, che prenderanno parte alla manifestazione dove verrà proiettato il meglio della loro cinematografia, dai primi lungometraggi fino al pluripremiato “Ammore e Malavita”.

Marco e Antonio Manetti, conosciuti come i Manetti Bros,  inaugurano la loro carriera cinematografica a partire dagli anni ‘90, affermandosi fin dagli esordi come autentici cultori del cinema di genere. Il duo registico firma numerosi videoclip di successo, tra cui quelli di Er Piotta, Alex Britti e Tiromancino, fino ad arrivare al grande pubblico televisivo grazie all’apprezzatissima serie “L’ispettore Coliandro”.

Nel mezzo, una carriera costellata da numerosi successi, segnata da una filmografia eclettica e originale, all’insegna del miglior cinema italiano. Un percorso straordinario, che ShorTS International Film Festival intende esplorare e celebrare attraverso i loro film più belli.

L’omaggio ai Manetti comincerà lunedì 2 luglio alle 21.30 presso il Cinema Ariston con la proiezione di “Song’e Napule”, una folgorante rilettura del poliziottesco all’italiana con protagonisti Alessandro Roja e Giampaolo Morelli, premiata con 7 Nastri d’Argento e 6 David di Donatello.

Martedì 3 luglio appuntamento sempre alle 21.30 al Cinema Ariston con “Piano 17”, secondo lungometraggio dei Manetti che realizzano qui una commedia nera dal ritmo indiavolato ambientata in un ascensore, arricchita dall’interpretazione di Giampaolo Morelli, la partecipazione di Massimo Ghini e un cammeo di Valerio Mastandrea.

 Alle ore 19.30 di mercoledì 4 luglio presso lo ShorTS HUB in Piazza della Borsa si terrà un incontro con i Manetti Bros, moderato dal critico cinematografico e delegato generale della Settimana Internazionale della Critica di Venezia Giona A. Nazzaro. Alle 21.30 al Cinema Ariston sarà la volta del film “L’arrivo di Wang”, una storia fantascientifica infarcita di black humor con Ennio Fantastichini e Francesca Cuttica.

L’omaggio  si concluderà giovedì 5 luglio alle 22.00 all’Ariston con la proiezione di “Ammore e Malavita” alla presenza dei due registi. La serata sarà condotta dai giornalisti Maurizio di Rienzo e Beatrice Fiorentino, curatrice della sezione “Nuove Impronte”. Trionfatore ai David di Donatello, vincitore del Ciak d’oro e del Globo d’oro come Miglior Commedia dell’anno, l’ultimo film dei Manetti Bros è un musical travolgente, nonché una nuova dichiarazione d’amore per Napoli da parte dei registi.

ShorTS International Film Festival è realizzato con il contributo di: Mibact – Direzione Cinema, Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura, Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alle Attività Produttive e al Turismo, Fondazione CRTrieste, Fondazione K. F. Casali e Comune di Trieste, EstEnergy, Hera Comm, Crédit Agricole FriulAdria, AcegasApsAmga, TriesteCaffè. Partner tecnici Ikon ed  E_Factory con Seed Box-it.

Clicca qui per il download delle FOTO

Scarica qui il comunicato stampa

 

ShorTS International Film Festival 2018
19° Edizione | Trieste
Dal 29 giugno al 7 luglio
www.maremetraggio.com

 

Ufficio Stampa

Ilaria Di Milla

info@dimillamacchiavelli.com  | M.  +39 3493554470 |

 Deborah Macchiavelli

macchiavellideborah@gmail.com    | M. + 39 3335224413

Matteo Rovere e Sharon Caroccia premiati a ShorTS IFF

Il regista di “Veloce come il vento” e la giovane protagonista di “Il cratere” saranno premiati al festival triestino, in programma dal 29 giugno al 7 luglio.

Matteo Rovere riceverà il Premio Cinema del Presente, mentre Sharon Caroccia verrà insignita del Premio Prospettiva, riconoscimenti che confermano ed evidenziano due straordinari talenti del cinema italiano.

Entrambi gli artisti saranno presenti a Trieste venerdì 6 luglio per ritirare i premi.

Matteo Rovere, regista dell’acclamato Veloce come il vento e produttore della fortunata saga Smetto quando voglio, riceverà il Premio Cinema del Presente. Un riconoscimento che conferma ed evidenzia la straordinaria crescita artistica e professionale dell’autore romano, già in concorso a ShorTS nell’edizione 2008 con il corto Homo homini lupus e nel 2009 con il suo lungometraggio d’esordio Un gioco da ragazze. Nell’edizione 2016, inoltre, l’attrice Matilda De Angelis ricevette il Premio Prospettiva per la sua interpretazione di Veloce come il vento.

Sharon Caroccia, talentuosa quindicenne campana protagonista del film Il cratere di Silvia Luzi e Luca Bellino, nonché concorrente del talent show di Rai 1 Sanremo Young, si aggiudica il Premio Prospettiva dell’edizione 2018: un riconoscimento che rappresenta una vera e propria scommessa sul futuro dei giovani talenti che ogni anno il Festival individua. Attraverso il Premio Prospettiva, infatti, anche quest’anno ShorTS accende i riflettori su una giovane promessa del cinema italiano, un’intuizione che, nel corso del tempo, è stata spesso confermata dalla carriera degli artisti premiati. Numerosi, infatti, gli artisti insigniti di questo riconoscimento nel corso delle varie edizioni del Festival: da Alba Rohrwacher a Luca Marinelli, da Michele Riondino a Matilda De Angelis.

«Uno dei motivi di orgoglio del nostro Festival è di aver saputo individuare, negli anni, i talenti emergenti nel panorama dell’universo Cinema Italiano – dichiara Chiara Valenti Omero, direttrice di ShorTS Matteo Rovere certamente è tra coloro che più di qualunque altro ha saputo mettere a frutto le propria capacità, non solo di regia, ma riuscendo a spaziare in tutti i campi del “fare cinema”, fino a diventare, non solo per necessità ma anche per passione e propensione all’aiuto nei confronti del cinema indipendente, un produttore di riferimento per il cinema italiano. Per questo motivo non possiamo che assegnare a lui questo premio – conclude – che ha saputo confermare negli anni tutto il talento che già da giovanissimo dimostrava di avere.»

 

Matteo Rovere e Sharon Caroccia saranno presenti alla manifestazione triestina la sera di venerdì 6 luglio per ritirare i premi. Durante la serata conclusiva dell’edizione 2018 di ShorTS, sabato 7 luglio alle ore 20.00, il film “Il cratere” verrà proiettato al Cinema Ariston alla presenza dei registi e della giovane attrice.

 

ShorTS International Film Festival è realizzato con il contributo di:  Mibact – Direzione Cinema, Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura, Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alle Attività Produttive e al Turismo, Fondazione CRTrieste, Fondazione K. F. Casali e Comune di Trieste, EstEnergy, Hera Comm, Crédit Agricole FriulAdria, AcegasApsAmga, TriesteCaffè. Partner tecnici Ikon ed  E_Factory con Seed Box-it.

 

Clicca qui per il download delle FOTO

 

Scarica qui il comunicato stampa

 

ShorTS International Film Festival 2018
19° Edizione | Trieste
Dal 29 giugno al 7 luglio
www.maremetraggio.com

 

Ufficio Stampa

info@dimillamacchiavelli.com   

Ilaria Di Milla

+39 3493554470

ilariadimilla@gmail.com

Deborah Macchiavelli

+ 39 3335224413

macchiavellideborah@gmail.com

ShorTS Pitching Training – Progetti

ShorTS Pitching Training – Progetti

Apnea di Bernadette Pálfi (Ungheria)

Following di Pavel Ruzyak (Repubblica Ceca)

Forth and Black di Philip Kiulpekidis (Repubblica Ceca)

The good girls club di Lida Vartzioti (Grecia)

Last wish di Panagiotis Kountouras (Grecia)

Other waves di Federico Turani (Italia)

The Retarded di Mattia Napoli (Italia)

Stoj! di Giulio De Paolis (Italia/Slovenia)

Stray di Lkhagvadulam Purev-Ochir (Portogallo)

Sunday lunch di Boris Kopilovic (Serbia)

Tikun Olam di Andreea Valean (Romania)

Trip to nowhere di Rıdvan Abdullah Can (Turchia)

Two sides di Nanavraki Petridis, Tania Sotiris (Grecia)

Vore di Samuel Sultana (Malta)

Winter comes after fall di Ioannis Vougioukas (Grecia)

Yama di Andreas Vakalios (Grecia)

 

 

Shorter Kids’n’Teens

Shorter Kids’n’Teens

Afloat di Kristina Mileska

Brand New Day di Patricia Beckmann Wells

Change your planet di Julia Bobkova

Dumbheads di Matic Perčič

Hekim di Yavuz Üçer

Liebesbrief di Marcus Hanisch

The little one di Diana Cam Van Nguyen

Les monstres marins di Perrine Pype

New Boy di Norman Tamkivi

Running Lights di Gediminas Siaulys

Saliva di Gabriel Bagnaschi

Shine di Alexander Dietrich, Johannes Flick

Spiral di Guiton Samuel

Stella 1 di Gaia Bonsignore e Roberto D’Ippolito

Touch di Ksenia Mikhilenko

Tweet-Tweet di Zhanna Bekmambetova

WK Cavia di Maria Philips

 

 

Sezione Nuove Impronte

Sezione Nuove Impronte

Città Giardino di Marco Piccarreda

The End – L’inferno fuori di Daniele Misischia

The First Shot di Federico Francioni

Gatta Cenerentola di Alessandro Rak 

Happy Winter di Giovanni Totaro

La terra dell’abbastanza di Damiano D’Innocenzo e Fabio D’Innocenzo

Veleno di Diego Olivares