Maremetraggio com Lilt per “Vivere ancora”

Al teatro Miela il 19 ottobre incontro con la critica cinematografica Luisa Morandini e proiezione del film-documentario autobiografico “Vivere ancora”[:]C’è chi lo scopre spalmandosi la crema al mare e chi se ne accorge facendosi la doccia: in Italia ogni anno vengono diagnosticati 35 mila nuovi casi di tumore al seno.
Succede a tante donne, ma quando è capitato a Luisa Morandini lei ha deciso che quell’esperienza, quella battaglia era da raccontare, insieme a quella di tante altre donne coraggiose. Per dimostrare che di cancro si può guarire, che non bisogna buttarsi giù, ma lottare giorno dopo giorno.
È nato così “Vivere ancora – Diario di una guarigione”, un documentario di forte impatto emotivo, un messaggio di speranza per tutte le donne costrette a fare i conti con questa terribile malattia.
Il film raccoglie le testimonianze di un gruppo di donne, dai 30 ai 60 anni, unite dalla comune lotta contro il cancro. I loro racconti sono intervallati dalle personali riflessioni della regista e dalle spiegazioni, chiare ed esaustive, degli aspetti “scientifici” della malattia da parte dei medici dell’Istituto dei Tumori di Milano.

Grazie alla Lega Italiana Lotta ai Tumori di Trieste, all’associazione Maremetraggio e alla cooperativa Bonaventura il 19 ottobre alle 19 al Teatro Miela di Trieste sarà proprio Luisa Morandini a presentare al pubblico questo particolarissimo documentario.

L’evento è parte delle iniziative della LILT per il mese della prevenzione dei tumori al seno.

Alla presentazione e alla proiezione, a ingresso libero, tutta la cittadinanza è caldamente invitata a partecipare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.