Diario di bordo del 26 giugno

Giove Pluvio è una vecchia conoscenza del Festival Maremetraggio; conosciuto per fare gli scherzi piu’ impensati alle ore piu’ improbabili e nelle stagioni meno consone, ha scelto la serata di sabato per scatenarsi in tutta la sua magnificenza.
Stavolta a farne le spese sono i cortometraggi previsti al Cinema Estivo Giardino Pubblico; dopo un pomeriggio di sole che faceva pensare per il meglio, al primo violento scroscio ne sono seguiti altri inequivocabili con evidenti rimbrotti da parte di un cielo palesemente dissenziente.
La serata al Teatro Miela vede comunque una presenza fittissima di spettatori: a guadagnarne il film di Rocco Papaleo “Basilicata Coast to Coast”, proiettato subito dopo “Il passato e’ una terra straniera”, di Daniele Vicari, parte della “prospettiva” dedicata a Michele Riondino.
Surreale ed affascinante l’immagine di tanti ombrelli colorati e di incerte vesti generalmente impermeabilizzate che si proteggono alla buona da questa estate monella.
Ci perdonerete l’eccentricità di questo Diario di Bordo, ma in fondo è anche al di fuori delle regole e degli appuntamenti prefissati che risiede il sale della vita.
Maddalena Mayneri e Chiara Valenti Omero accettano di buon grado l’imprevisto, ed è l’occasione per tutto lo staff di Maremetraggio e per gli spettatori di scambiare qualche chiacchiera in piu’ al di fuori del tamburo battente delle continue visioni cinematografiche.
Da una scialuppa piu’ inzuppata che bagnata una comunicazione di servizio: i cortometraggi non trasmessi sabato sera per gli inconvenienti sopracitati verranno recuperati in apertura delle prossime serate; saranno nell’ordine di due o tre opere per serata, a partire da “The Funk” di Cris Jones e “Wujek” di Maciej Sznabel.
Appuntamento a domenica sera, sperando nella clemenza di chi ci guarda dall’alto, anche fossero solo le stelle.

Riccardo Visintin

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.