DIARIO DI BORDO DI VENERDI’ 29 GIUGNO

METTI UN PO’ D’AZZURRO NEL TUO BICCHIERE !
Una struttura bianchissima, un sole costante e forte, una Piazza S.Antonio colorata dal ricco popolo di passanti del venerdì pomeriggio: ecco lo scenario dell’inaugurazione ufficiale di Maremetraggio 2007.
Andata ” in onda ” appunto venerdì 29 giugno dalle ore 18.30, l’anteprima ha registrato tantissime presenze sotto il tendone, brindisi a ripetizione fino quasi all’ora di cena, ed in un soffio è già ora di posizionarsi al Giardino Pubblico.
L’inizio delle ricchissima serata è all’insegna del divertimento tutto italiano: prima il cortometraggio d’animazione del giovane Andrea Andolina ( un amico di Maremetraggio ), serve a scaldare gli animi e tra l’altro si avvale della voce narrante di un grande attore come Omero Antonutti, e di un piccolo grande genio dell’operetta come Riccardo Peroni.
Già protagonista la scorsa edizione del corto ” Buongiorno ” torna a Trieste l’irresistibile Domenico Lannutti dalla mimica inconfondibile; l’occasione è propizia per presentare gli altri due corti che compongono una trilogia diretta da Melo Prino, vale a dire ” Buonasera ” e ” Buonanotte “.
Approdiamo in territorio estero con il corto ” 37 Ohne Zwiebeln ” del tedesco Andrè Erkau: partendo dal presupposto che la clessidra del tempo può anche perdere la sanità mentale, eccone applicato un esempio nel mondo impiegatizio; Surreale e non comune la regia.
A metà tra i graffiti metropolitani e la satira di costume si situa il corto inglese ” City Paradise ” della giovane autrice Gaelle Denis: funambolico e visivamente spettacolare.
Di tutt’altra matrice la piccola parabola fantascientifica del norvegese Bobbie Peers: narrà con stile a metà tra l’ironico e il partecipe una strana storia di stivali gravitazionali; azzeccata la scena in cui il giovane regista rifà il verso allo Stanley Kubrick di Full Metal Jacket.
Menzione particolare per il poetico e romantico corto francese ” Chahut ” di Gilles Cuvelier, che racconta con toni lievi le peripezie d’una povera ” maschera ” abbandonata sola a carnevale.
Una metafora sulla vecchiaia e sull’esistenza che porta a scelte estreme è spunto fondante del mini film svedese ” En God Dag ” di Per Hanefjord, capace anche di momenti di pura suspance.
Il sogno di Icaro è sempre stato quello di volare: nella coproduzione franco-canadese ” Historia tragica com final feliz ” si racconta tramite l’animazione di una tenerissima ragazza uccello; dirige di nuovo una donna, la giovane Regina Pessoa.
Aperto ad ogni considerazione il cortometraggio ” Nasja ” di Guillermo Rios Bordon, proveniente dal lontanissimo, adirittura dalle Isole Canarie.Controversa è la materia cha parla di diritti negati alle donne e di infibulazione, a tratti affiora la retorica anche se probabilmente in buona fede.
Il tema degli extracomunitari e del loro rapporto con la religione prende corpo nel cortometraggio ” Zacaria ” diretto a quattro mani da Gianluca e Massimiliano De Serio: un modo quasi minimalista di spiegare quello che in occidente è difficilmente spiegabile.
Si torna a tematiche senz’altro più leggere con ” Dreams And Desires ” di Joanna Quinn, che posiziona una telecamera sulla schiena di un cane che ne combinerà di tutti i colori.
Temi scottanti come l’identità infantile e quella adulta e la pedofilia sono invece materia per ” Compito in Classe ” di Daniele Cascella che in chiave anticonsolatoria racconta una storia di soltudini appuntamento a domani per le prossime ricche proiezioni!
Riccardo Visintin

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.