L’ONDATA DI MALTEMPO NON FERMA L’ONDA DI MAREMETRAGGIO

La giornata di ieri, 2 luglio, si è aperta con l’incontro mattutino in piazza S. Antonio: alle 11.00 infatti, Mariantonia Avati, regista del film “Per non dimenticarti”, ha incontrato la stampa e il pubblico presso il Maremetraggio Village. A moderare l’ incontro era presente il giornalista Filippo Mazzarella .

Alle ore 12.00 sono partite ufficialmente le trasmissioni di Radio Attività, che quest’ anno trasmetterà in diretta dallo stand di Maremetraggio per tutta la durata del Festival. La conduttrice Sara Del Sal (presentatrice fra l’altro delle serate del Festival) ha intrattenuto per un’ora gli ascoltatori con interviste e curiosità sugli ospiti presenti, intervistando in diretta anche Mariantonia Avati.
Alle ore 20.00 al cinema Ariston è stata presentata la seconda e ultima parte di “Mandela Boys. I corti della Nazione Arcobaleno”, retrospettiva di corti dal Sudafrica organizzata dall’ Associazione Culturale 3E-medi@ in collaborazione con numerose realtà cinematografiche italiane.
A seguire, per la sezione Ippocampo, l’ Orchestra di Piazza Vittorio, documusical frutto di cinque anni di documentazione, 30 musicisti e 15 nazionalità per uno straordinario miscuglio multietnico di storie, umanità e musica, diretto da Agostino Ferrente.
Alle 21.30, al cinema Excelsior (causa dello spostamento il maltempo) un evento speciale dal titolo “20 anni di Carosello Stock” ha aperto le proiezioni. Il pubblico in sala ha avuto così l’ occasione per fare un tuffo nel passato e rivedere alcuni dei volti più noti del mondo “Carosello Stock” dal 1957 al 1977.
Al termine dei Carosello è stata la volta dei cortometraggi in gara per la Sezione Maremetraggio: si è partiti dall’ inglese “Rabbit”, una favola surreale sul significato degli adesivi educativi degli anni ’50, passando per un viaggio nell’ aldilà compiuto dal protagonista di “Our man in Nirvana”, o “Le portefeuille”, corto animato di produzione belga sul ritrovamento di un portafoglio…, per arrivare agli amori non corrisposti di quattro persone nello spagnolo “Cuadrilatero”.
 
 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.