LA GRANDE RAPSODIA AZZURRA: SETTIMO ATTO (CRONACHE DA UNA CONFERENZA STAMPA)

Il sette, che numero! Un numero magico, affascinante, evocativo, misterioso! MAREMETRAGGIO – IL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CORTOMETRAGGIO – è giunto al suo settimo approdo, scegliendo ancora una volta la splendida cornice di Trieste come fondale naturale e “irrinunciabile”. L’affetto e l’attesa nei confronti della rassegna si sono palesate lunedì 26 giugno con la presentazione ufficiale della manifestazione. La conferenza stampa – nutrita la presenza umana – si è svolta al bar Audace in una Piazza Unità aggredita dal sole cocente. Tra morbidi divani color crema, con tanto di maxischermo alle spalle riproducente la storia per immagini di Maremetraggio, le organizzatrici, Maddalena Mayneri e Chiara Valenti Omero, hanno fatto il punto della situazione preannunciando un’ edizione “coi fiocchi” a dir poco. Tantissima la carne al fuoco, variegata e in parte ancora da… cucinare.

Intanto, i corti in programma: moltissimi e diversi tra di loro, rappresentano un caleidoscopio multietnico formidabile per completezza e varietà di temi.
Gireremo il pianeta grazie al cinema, insomma, pronti a scegliere quelli più vicini al nostro cuore. Gli incontri e gli appuntamenti da non mancare si susseguiranno a ritmo quasi vorticoso, in primis va citato lo straordinario progetto “Luna Park”, creato grazie alla collaborazione con la scuola Holden e la Fandango produzioni: un laboratorio omnicomprensivo che attraverso lo studio di tutte le semiotiche cinematografiche donerà ai partecipanti una visione esaustiva del tema, una vera e propria “fucina intensiva” sul cinema, tra dibattiti e convegni, per approfondire il più possibile tutto quello che si nasconde dietro la macchina da presa.
Chiara Valenti Omero ha puntualizzato lo scrupoloso “aiuto” che Maremetraggio da sempre offre a chi si occupa di cinema ed è al debutto, in un mercato distributivo che penalizza le “opere prime”.
Tante e tutte motivate la presenze in arrivo, da Andrea Occhipinti (attore e produttore, deus ex machina della “Lucky Red) a Vladimir Luxuria, da Sabrina Impacciatore alla neo-produttrice Eleonora Giorgi, da Isabel Russinova alla triestina Barbara Della Polla – presentate all’incontro -. Il calendario degli ospiti è ovviamente ancora un “work in progress”, ma da subito l’altissimo profilo artistico riservato al “capitolo settimo” della kermesse appare evidente anche ai profani.
Del resto, già il primissimo appuntamento – ancora prima del cocktaii d’inaugurazione previsto per venerdì 30 giugno 2006 – si snoderà come un vero e proprio “evento speciale”: si tratta dell’inaugurazione della mostra “Roberto Rossellini cantastorie”, avvenimento denso di poesia cinematografica a cui prende parte anche il Teatro Stabile la Contrada – Teatro Cristallo.
Altro motivo d’interesse è dato dalla successiva operazione “CortoinCorso”, che ha permesso ad un giovane autore di girare un cortometraggio inedito (grazie all’aiuto – non lieve – dell’Associazione Maremetraggio) e di presentarlo venerdì 7 luglio alle ore 21.00 al Giardino Pubblico; vedremo se l’inebriante sfida è stata vinta|
 
 
La straordinaria avventura “rapsodica” di Maremetraggio si colora quindi nuovamente di azzurro, e in un momento traballante per svariati motivi (gli scandali del calcio, l’incertezza economica, la nostra stessa vita quotidiana sempre più convulsa) è motivo d’orgoglio rinnovare (nella classica sede del Giardino Pubblico) l’appuntamento con la fascinazione eterna emessa dal mondo di celluloide…
Peccato perdere tutto questo!
 
di Riccardo Visintin

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.