Diario di bordo di venerdì 7 luglio

“PIOGGIA DI LUGLIO”
Ricordate? Giove Pluvio l’ultima volta aveva deposto le armi, concedendoci più volte lo splendido scenario naturale del giardino pubblico. Stavolta si è incattivito, ed eccoci in uno stimatissimo cinema Excelsior, per una delle più ricche serate di questa settima edizione.

Prima di parlare però una menzione particolare va alla mattinata del Maremetraggio Village: doccia di autografi e fotoricordo per Eleonora Giorni, biondissima e indimenticata protagonista del cinema italiano anni sessanta (nel suo curriculum film di Damiani, Argento, Salce, Cavani).
Ora Eleonora fa la produttrice, ed è stato interessante sentirla parlare di cinema dalla sua angolazione.
Altri incontri importanti nel corso della giornata, tra tavole rotonde e incontri letterari. Serata di cinema al chiuso, quindi: finalmente abbiamo visto “La Passerella” del giovane Davide Pettarini, appartenente alla categoria COrtoiNCORSO.
Era una sfida da vincere ed è stata vinta: agganciandosi palesemente al capolavoro di Francois Truffaut “Jule et Jim”, Davide imbastisce un piccolo apologo sull’adolescenza e i suoi riti, spontanei, neutri e misurati, i giovani interpreti regalano il loro apporto ad un’opera di delicata fattura.
Ecco quindi i cortometraggi consueti, stavolta quasi tutti degni di stima e sincero riconoscimento.
E’ il caso di “Alone Together” di Duccio Chiarini, disincantato resoconto amoroso: una coppia fragile come il cristallo, che si separa senza il fatidico happy end.
“Lotta Libera” di Stefano Viali (ospite più volte di Maremetraggio) è un seducente e cupo gioco ad incastro sulla verità e l’inganno, costruito con un impianto fortemente teatrale.
“Tutto brilla” di Massimo Cappelli sfrutta il talento comico di tre piccole beniamine del pubblico televisivo ( Carla Signoris, Lunetta Savino, e Paola Tiziana Cruciani) per un divertentissimo “pastiche” grottesco e sarcastico.
Quasi horror nel suo drammatico dipanarsi, “Eko” di Goran Kapetanovic parla di guerra e di massacro attraverso la lente deformante della metafisica: lancinante ed incisivo.
Spazio poi alla sezione corallino e ad i suoi giovanissimi interpreti, “La ladra” proviene dall’istituto comprensivo “Reale” di Villaggio Mosè (Agrigento), e “Cell Gum” da Genova (Istituto Majorana): due diversi modi di interpretare la socialità quotidiana degli studenti.
Bellissimo, infine, il lungometraggio ” Mater Natura” di Massimo Andrei, un inno alla libertà collettiva ed alla capacità di essere se stessi.
Strepitoso Vladimir Luxuria, in un opera colorata e a tratti commovente.
Appuntamento a sabato pomeriggio per le premiazioni!
di Riccardo Visintin
 
 
 
 
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.