MAREMETRAGGIO ALZA IL SIPARIO CON UN OMAGGIO A ROSSELLINI

Ieri 30 giugno, alle ore 18.00 presso il Maremetraggio Village, è partita ufficialmente la settima edizione del Festival, con l’inaugurazione della mostra “Roberto Rossellini Cantastorie”, organizzata in collaborazione con la Fondazione Rossellini in occasione del centenario della nascita del grande Maestro.
 
 

 

 

La mostra, che resterà aperta fino all’8 luglio, si sviluppa in 10 percorsi narrativi, articolati in altrettante grandi strisce che mostrano, con testi e immagini, come sono nate e come sono raccontate le dieci storie brevi di Rossellini raccolte nel progetto.
In una saletta all’interno del percorso sono proiettati a ciclo continuo gli episodi audiovisivi di Rossellini a cui è dedicata la mostra: dai primi cortometraggi (Fantasia Sottomarina, La vispa Teresa, Il tacchino prepotente) a episodi dei suoi film compositi (“Il miracolo” da L’Amore, “Napoli” da Paisà, “La scimmia Ramu” da India matri bhumi, “Un pranzo per quindici dì” da Francesco giullare di Dio) a episodi di film collettivi (“Napoli ’43” da Amori di mezzo secolo, “Ingrid Bergman” da Siamo Donne, “Invidia” da I sette peccati capitali).
Nella giornata di ieri, inoltre, le storie sono state introdotte da un cantastorie, che ha guidato i presenti in questo viaggio nell’arte della narrazione.
Alle 21.00 al cinema estivo Giardino Publico si è invece dato il via alle proiezioni, alla presenza di oltre 500 persone, nonostante l’evento calcistico concomitante.
Diversi e come sempre variegati i corti in programma: fra questi ricordiamo “Before life, after death”, dell’ ungherese Dragomir Sholev: un rituale mortale che costa la vita ad un ufficiale e al suo esercito; o “El descampado”, di Pedro Touceda: una facciata tragica e poco rassicurante del passaggio del tempo. Fra i corti italiani merita menzionare “Oh partigiano!” di Ernesto Lama, un’ opera divisa in due atti che abbatte, con una visione moderna e originale, ogni retorica comune sulla guerra.
Il film “…E se domani” di Giovanni La Pàrola, ha aperto la sezione Ippocampo: una commedia ben interpretata dal duo Luca e Paolo, affiancati da Sabrina Impacciatore.
L’attrice, assieme al regista, ha incontrato questa mattina al Village giornalisti e pubblico, rispondendo alle numerose domande che le sono state poste.
 
 
 
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.