IN TRAM

Milano, foschia mattutina. Come ogni giorno Franco arriva trafelato alla fermata del tram. Piccoli particolari catturano la sua attenzione: c’è nell’aria qualcosa di strano, ma cosa? Sul tram un giovane uomo a cui Franco chiede un’informazione, gli risponde in inglese. Eppure è italianissimo…

 

regia/director filippo soldi
sceneggiatura/screenplay
carlo giuseppe gabardine, filippo soldi
fotografia/cinematographer
aldo di marcantonio
montaggio/editing
giuseppe pagano
musica/music
enrico elia
cast/cast
piera degli esposti, gigio alberti, carlo giuseppe gabardini
genere/genre
fiction
formato originale/original format
35 mm – color
durata/running time
9’
anno di produzione
2003
paese di produzione/country of production
italia
produzione/production
company caro film srl
distribuzione/distribution
company gruppo pasquino

BIOGRAFIA

Seriamente intenzionato a frequentare il VGIK (la scuola di cinema di Mosca), ha invece preso una laurea in Lettere Moderne alla Statale di Milano (1993) e il diploma di drammaturgia e sceneggiatura alla Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” (1995), sempre di Milano. Ha lavorato nel teatro e nel cinema in qualità di aiuto con registi come Luca Ronconi, Werner Schroeter, Monica Conti dal 1996 al 2001, Aurelio Grimaldi, Lino Capolicchio, Diego Ronsisvalle e altri. Ha tenuto laboratori teatrali, firmato la regia di alcuni spettacoli e realizzato alcuni documentari come Cremona – il sapore di una città o Fernanda Pivano racconta Bukowski.

FILMOGRAFIA

2003 In Tram (corto, short)

 

SINOSSI

Milano, foschia mattutina. Come ogni giorno Franco arriva trafelato alla fermata del tram. Piccoli particolari catturano la sua attenzione: c’è nell’aria qualcosa di strano, ma cosa? Sul tram un giovane uomo a cui Franco chiede un’informazione, gli risponde in inglese. Eppure è italianissimo. Tutti questa mattina parlano in inglese:in inglese sono gli annunci sonori del tram, in inglese i manifesti: da oggi l’inglese è la lingua ufficiale che la nuova normativa CEE ha stabilito per tutta Europa. Franco si era “distratto”, se ne era dimenticato, o aveva frainteso. E adesso? O si adegua, o…

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.