Maremetraggio serata inaugurale

Posti a sedere esauriti ben prima dell'inizio delle proiezioni e pubblico costretto (ma l'ha fatto volentieri anche perché ripagato dalla qualità dei film) a sistemazioni di fortuna lungo il Molo Quarto, per la serata d'esordio di Maremetraggio, il Festival del cinema “corto” di Trieste, giunto alla sua quarta edizione e incorniciato da un magnifico tramonto d'estate.

Se a tutto questo si aggiunge il fatto, non secondario, della presenza alla vernice della manifestazione di personaggi molto noti, prima fra tutti quella Paola Cortellesi, attrice impegnata e intelligente, rivelatasi al grande pubblico con Mai dire gol e Uno di noi, ma sabato sera soprattutto protagonista di una delle pellicole proposte, quel Posto dell'anima di cui è regista Riccardo Milani, il successo della prima serata di Maremetraggio può dirsi già delineato.

milani_02.jpeg

Un migliaio abbondante di spettatori per i primi corti in gara, ai quali si è aggiunto il lungo di Milani, confermano dell'interesse dei triestini per questa particolare formula di cinema, ma anche della bontà delle scelte operate, ancora una volta, da Maddalena Mayneri e Chiara Valenti Omero, responsabili di Maremetraggio e organizzatrici, in prima persona, della manifestazione. Piccolo particolare in più: le due hanno prodotto un corto fuori concorso, L'apparenza, con Massimo Dapporto (regia del figlio Davide), interamente girato a Trieste e presentato nel corso della serata. Risultato: applausi a scena aperta.Ma il pubblico non ha mancato di tributare il giusto riconoscimento anche a Chiara Sani, che ha presentato il suo Terapia di gruppo, a Riccardo Milani, alla stessa Cortellesi e a Tiziana Foschi, una delle componenti della Premiata Ditta, anche lei personaggio televisivo molto apprezzato.

E ancora applausi per Vincenzo Bocciarelli, che non ha mancato di ricordare, nelle interviste che hanno preceduto l'avvio del Festival di essere già stato nel capoluogo del Friuli-Venezia Giulia “ma come attore di teatro – ha sottolineato – interpretando uno dei personaggi de La Tempesta accanto a Glauco Mauri”. Debutto assoluto a Trieste invece per Paola Cortellesi (“Sono felice di partecipare a una manifestazione che celebra il corto”) e per Riccardo Milani (“La differenza fra girare un film corto e uno lungo sta solo nella durata, l'impegno, la storia, la partecipazione alla vicenda, sono assolutamente identici per un regista”). Stasera (domenica) primo piano per Maria Sole Tognazzi, che presenterà il suo corto Non finisce qui… e il suo lungo Passato prossimo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.