Prosegue ShorTS in piazza Verdi e al cinema Ariston

Prosegue ShorTs International Film Festival, il festival organizzato dall’Associazione Maremetraggio che porta a Trieste i migliori cortometraggi del panorama internazionale.

tobacco burnDomenica 5 luglio, dalle 21.30 sul maxi schermo all’aperto in Piazza Verdi a Trieste, la proiezione di 13 opere provenienti dall’Olanda, dalla Spagna dalla Francia, dall’Iraq, dall’Irlanda, dalla Gran Bretagna, dalla Bosnia-Erzegovina, dalla Germania, dall’Islanda e dagli Stati Uniti. Ci si potrà gustare la fiction con “Cowboys Janken Ook”, “Firme usted aquì”, “Hjónabandssæla”, “Josè”, “The Weather Report”, “Fumer Tue”, “Skinship”, “Pflegestufe”, “Iskupljenje”, “Domi” e infine con “Tobacco Burn”, sulla schiavitù in America. Per l’animazione, in programma l’iracheno “Melody Night”, una storia sulla guerra e sui soui aspetti negativi, e “Oripeaux”, dove in un villaggio lontano una ragazzina fa amicizia con un branco di coyote.

Questi cortometraggi, assieme agli altri in concorso, contenderanno il premio di € 10.000 per il miglior corto in assoluto. La Giuria è composta dall’attore e regista Pippo Delbono, l’attrice Chiara Caselli, il produttore per Rai Cinema Carlo Brancaleoni, il critico Luisa Morandini e la giornalistaEmanuela Genovese. Il produttore Claudio Bonivento assegnerà invece il Premio speciale alla produzione italiana, mentre il pubblico – tramite le apposite schede di votazione consegnate all’inizio delle proiezioni – decreterà il vincitore del Premio del Pubblico Trieste Caffè.

Per gli amanti del lungometraggio, ci sarà lo schermo del Cinema Ariston riservato alle opere prime italiane: domenica 5 luglio alle 20, “Fantasticherie di un Fantasticherie di un passeggiatore solitariopasseggiatore solitario”, di Paolo Gaudio. Il film è stato realizzato con gli effetti speciali di Makinarium di Leonardo Cruciano, la stessa che ha lavorato per l’ultimo film di Garrone e che ha in progetto di lavorare per “Ben Hur” e “Zoolander” Tre personaggi di tre epoche diverse vengono uniti da un sogno di libertà e da un piccolo capolavoro  di letteratura; un viaggio attraverso aspirazioni. Sofferenze e fantasticherie misteriose di un poeta, un giovane studente e un bambino smarrito nel bosco. Alle 22, sempre al cinema Ariston “I resti di Bisanzio”, di Carlo Michele Schirinzi. C. non ha stimoli dal quotidiano e condivide questo malessere con due amici, S:, bandista del paese, e R., ex benzinaio che vive apaticamente tra le mura della sua spoglia dimora. Da quest’ultimo, C. preleva scolature di carburante per realizzare il suo sogno: bruciare il presente che non gli appartiene. C. ha continue visioni incendiarie, effimere ed impotenti perché soltanto immaginate nella sua mente ed affrescate nei suoi occhi.

 

Il festival è realizzato con il contributo del Ministero dei beni e della attività culturali e del turismo, della  Regione Friuli Venezia Giulia, di Turismo Fvg, del Comune di Trieste, della Fondazione CRTrieste, della Camera di Commercio di Trieste e della Fondazione Casali.

La manifestazione si avvale della collaborazione con Trieste Estate, la Provincia di Trieste, la Casa del Cinema di Trieste, il Cinema Ariston e il Teatro Verdi di Trieste.

Jaguar, Bakel e Trieste Caffè sono gli official partners dell’edizione 2015.

 

Scarica qui il programma

 

Ufficio Stampa:

Daniela Sartogo (+39.3428551242)

daniela.sartogo@gmail.com

Moira Cussigh (+39.328.6785049)

moira.cussigh@gmail.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.