A Giulio Pranno il Premio Prospettiva 2020

Il giovane protagonista dell’ultimo film di Gabriele Salvatores
vince il Premio Prospettiva 2020 

 

ShorTS International Film Festival, la manifestazione cinematografica triestina che quest’anno sbarca sul web dal 4 al 12 luglio, annuncia il Premio Prospettiva 2020. Il prestigioso riconoscimento della 21° edizione del Festival verrà assegnato a Giulio Pranno, giovane protagonista del film “Tutto il mio folle amore” di Gabriele Salvatores, delicato road movie girato in parte a Trieste e ispirato a una storia vera, dove Pranno recita a fianco di Claudio Santamaria, Valeria Golino e Diego Abatantuono.

Tratto dal libro “Se ti abbraccio non ho paura” di Fulvio Ervas (presentato a ShorTS 2018, nell’ambito degli incontri letterari del festival) e presentato al Festival di Venezia, il film racconta l’emozionante storia vera di un viaggio in moto di un padre insieme al figlio autistico. Giulio Pranno, qui al suo esordio sul grande schermo, interpreta Vincent, un ragazzo di 16 anni affetto da un grave disturbo della personalità. Suo padre, lo scapestrato Will (Claudio Santamaria), lo ha abbandonato da piccolo per inseguire la carriera di cantante, lasciandolo insieme alla madre Elena (Valeria Golino) che l’ha cresciuto insieme al suo compagno Mario (Diego Abatantuono). Una sera qualsiasi Will trova finalmente il coraggio di andare a conoscere quel figlio che non ha mai visto e scopre che non è come se lo immaginava. Non sa che quel piccolo gesto di responsabilità è solo l’inizio di una grande avventura, che li porterà a condividere un emozionante viaggio tra Slovenia e Croazia in cui avranno modo di scoprirsi a vicenda.

Classe 1998, Giulio Pranno è nato a Roma ed è da sempre un grande amante del cinema. Supportato dai suoi genitori, all’età di 12 anni inizia a frequentare il teatro e se ne innamora immediatamente. Durante il liceo pratica corsi di recitazione e prende parte a spettacoli fino alle finali del Premio Hystrio 2018. Nello stesso anno il suo sogno di prendere parte ad un lungometraggio per il cinema si realizza quando, dopo una lunga selezione, viene scelto da Gabriele Salvatores per interpretare il ruolo di Vincent, che segna il suo esordio cinematografico. 

“È sempre molto emozionante quando ad un ragazzo giovane con il sogno di fare questo mestiere viene riconosciuto il talento” – dichiara il regista Gabriele Salvatores “Sono orgoglioso di essere stato il regista che fin dal primo momento ha compreso le sue grandi potenzialità e il fatto che sia proprio un festival di Trieste a premiarlo è ancor più gratificante.”

Il Premio Prospettiva di ShorTS International Film Festival rappresenta una vera e propria scommessa sul futuro dei giovani talenti che ogni anno la manifestazione del capoluogo giuliano individua: attraverso questo riconoscimento, anche nel 2020 ShorTS accende i riflettori su una giovane promessa del cinema italiano, un’intuizione che, nel corso del tempo, è stata spesso confermata dalla carriera degli artisti premiati.

Numerosi, infatti, i giovani interpreti insigniti di questo riconoscimento nel corso delle varie edizioni del Festival, tra i quali si annoverano Alba Rohrwacher, Luca Marinelli, Michele Riondino, Matilda De Angelis, Daphne Scoccia, Sharon Caroccia e Francesco Di Napoli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.