Diario di Bordo – Day 09


DIARIO DI BORDO FINALE: L’APPRODO

Cronache filmico – emotive alla fine di una bellissima manifestazione. SHORTS INTERNATIONAL FILM FESTIVAL si è conclusa nel migliore dei modi, sabato sera scintillante e Piazza Verdi gremita di pubblico, compresi ospiti illustri come Lino Guanciale e tanti altri amici ruotanti intorno al pianeta Cinema.
Sarebbe tante, tantissime le cose da dire, ed altrettanti i ringraziamenti da effettuare nei confronti di chi ha reso possibile ancora una volta il dipanarsi di una magnifica, colorata coperta emotiva e scenografica.
Chiara Valenti Omero, presidente del nostro Festival, ha come sempre tenute ben salde le redini della kermesse, la passione profonda per la progettualità artistica è un suo consolidato fiore all’occhiello.
Intorno ed accanto a lei, la preziosa capacità organizzativa di Vittoria Rusalen, il sensibile contributo coordinativo di Federica Naveri, la nuova amica Martina Cantone dai capelli rossi e dai modi gentilissimi.
Tutte ragazze d’oro, molto impegnate nei giorni di fuoco del Festival, eppure cortesi e cordiali come le addette all’ufficio stampa, Ilaria Di Milla e Deborah Macchiavelli.
Occhio straordinario a livello di inventiva e di disegno grafico, Francesco Paolo Cappellotto ha come sempre un sorriso di tenera disponibilità: è un piacere parlargli, confrontarsi con lui.
Sulla “bionditudine”, permetteteci la scherzosa espressione, di Zita Fusco nostra presentatrice, abbiamo già detto negli anni passati, è brava e bella ma non possiede alcun accenno di presunzione.
La sezione Maremetraggio, come tutti sappiamo, si avvale di uno spettatore professionale come Francesco Ruzzier, se vi sono piaciuti i molti cortometraggi visti di serata in serata, lui ne è stato il selezionatore.
Beatrice Fiorentino, giornalista e critica cinematografica, ha cuore e cervello: ha curato di nuovo la sezione NUOVE IMPRONTE, e come dimenticare suo figlio Tommy, piccolo grande eroe dal piglio cinefilo.
I tantissimi volontari e volontarie rappresentano un turbine umano in perpetuo movimento, sorrisi e informazioni sgorgano dai loro volti e dalle loro mani.
Le strutture in Piazza Della Borsa non sono persone ma bellissime stazioni del pensiero cinefilo, in legno e vetro.
Dietro le molte macchine, dietro lo schermo, ecco il braccio attento di Pietro Crosilla, e con lui ringraziamo tutti i tecnici e i collaboratori del festival, una compagine che quest’anno ha dovuto combattere con una meteorologia impazzita e crudele, grandine a cubetti compresa.
Qualcuno è senz’altro rimasto fuori dall’elenco, per loro c’è un abbraccio affettuoso ed omnicomprensivo…
Trieste di sabato sera è una bellissima dama agghindata di colori variopinti, c’è gente che cena in Piazza Unità e tra i presenti ecco Veronica Pivetti, il mago degli effetti speciali e regista Sergio Stivaletti, tantissimi protagonisti del microcosmo di celluloide.
Brindiamo sotto le stelle, gustando appieno di quest’atmosfera magica e surriscaldata.
Arrivederci al prossimo anno.