ARIANNA


Carlo Lavagna
Italia / Italy 2015, 4K, Dolby 5.1, 83’

Arianna ha diciannove anni ma ancora non ha avuto il suo primo ciclo mestruale. Gli ormoni che il suo ginecologo le ha prescritto non sembrano avere effetto sul suo sviluppo, a parte un leggero ingrossamento del seno che però le provoca fastidio. All’inizio dell’estate, i suoi genitori decidono di riprendere possesso del casale sul lago di Bolsena dove Arianna era cresciuta fino all’età di tre anni e in cui non era ancora tornata. Durante la permanenza nella casa, antiche memorie cominciano a riaffiorare, tanto che Arianna decide di rimanere anche quando i genitori devono rientrare in città.
I pomeriggi passano lenti e silenziosi, mentre Arianna comincia a indagare sul proprio corpo e sul proprio passato; l’incontro con la giovane cugina Celeste – così diversa e femminile rispetto a lei – e la perdita della verginità con un ragazzo della sua età, spingono Arianna a confrontarsi definitivamente con la vera natura della propria sessualità.


Anna is nineteen years old, but she still hasn’t had her first period. The hormones she has been prescribed by her gynecologist don’t seem to be affecting her development other than causing a slight breast enlargement, which irritates her nonetheless. At the beginning of summer, her parents decide to retake possession of the farmhouse on Lake Bolsena where Arianna lived until she was 3, and to which she hasn’t yet returned. During their stay at the house, old memories begin to resurface, to the extent that Arianna decides to stay even once her parents have returned to the city. The afternoons pass slowly and quietly while Arianna starts to examine her body and her past: the meeting with her young cousin Celeste – so different and feminine compared to her – and the loss of her virginity to a young man of her age push Arianna to confront once and for all the truth of her sexuality.

sceneggiatura / screenplay
Carlo Salsa, Carlo Lavagna, Chiara Barzini

fotografia / cinematographer
Hélène Louvart

montaggio / editing
Lizabeth Gelber

musica / music
Emanuele de Raymondi

tecnico del suono / sound editor
Ivano Mataldi

costumi / costume designer
Zazie Gnecchi Ruscone

scenografia / set decoration
Fabrizio D’Arpino

cast
Ondina Quadri, Massimo Popolizio, Valentina Carnelutti, Corrado Sassi, Blu Yoshimi, Eduardo Valdarnini

genere / genre
Fiction

produzione / production
Ring Film, Rai Cinema

distribuzione / distribution
Istituto Luce Cinecittà