Il Festival


ShorTS – International Film Festival
Trieste, 1-9 luglio 2016
XVII edizione

Taglia il traguardo della sua XVII edizione ShorTS International Film Festival, in programma a Trieste, dal 1 al 9 luglio 2016. Forte del consenso accumulato in questi anni sia in Italia che all’estero, anche nel 2016 il festival proporrà nove giorni dedicati alle nuove promesse del cinema italiano e internazionale, secondo la formula ben collaudata, che ne ha decretato il successo con le proiezioni di tutti i cortometraggi in concorso e degli eventi speciali nella consueta sede di piazza Verdi sempre gremita di pubblico italiano e straniero.

Maratona di proiezioni, ma anche incontri con attori e registi, eventi speciali, workshop, approfondimenti, cocktail e happening con i protagonisti della cinematografia italiana e straniera: ShorTS anche nel 2016 si riconfermerà come una manifestazione dedicata in toto al cinema giovane, che porterà a Trieste tanti ospiti, giovani promesse, nuovi talenti e celebrities del mondo del cinema italiano ed europeo, con un sicuro appeal per il pubblico e i turisti che sceglieranno di trascorrere qualche giorno d’estate nella città giuliana, approfittando dell’evento per concedersi una vacanza a base di divertimento e cultura.

Tra i numerosi attori e registi che hanno partecipato alle scorse edizioni del festival, molto graditi al pubblico e alla stampa, ricordiamo Francesca Neri, Sergio Rubini, Barbora Bobulova, Chiara Caselli, Ambra Angiolini, Marco Giallini, Pippo Delbono, Luca Marinelli, Lucia Mascino, Elena Radonicich, Andrea Bosca, Michele Riondino, Veronica Pivetti, Francesca Inaudi, Rocco Papaleo, Marina Massironi, Carolina Crescentini, Michele Alhaique, Christiane Filangieri, Gianfelice Imparato, Michele Venitucci, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston, Margherita Buy, Amanda Sandrelli, Laura Morante, Federico Moccia, Murray Abraham, Gillo Pontecorvo, Giuliano Montaldo, Paola Cortellesi, Pippo del Bono.

I concorsi di ShorTS 2016

Per la Sezione Maremetraggio ci saranno in gara una selezione dei cortometraggi vincitori, nel 2015, dei più prestigiosi festival a livello internazionale, che si rimetteranno alle decisioni di una giuria che assegnerà, al migliore tra i migliori, un premio di 5.000 euro. Ma saranno tanti i riconoscimenti assegnati per questa sezione: il premio al miglior corto italiano, il prestigioso premio “Studio Universal”, realizzato grazie al rinnovo dell’importante partnership tra l’Associazione Maremetraggio e Studio Universal (Mediaset Premium sul DTT), che consiste nell’acquisizione dei diritti Pay per la trasmissione televisiva al miglior corto italiano selezionato da una giuria del canale. E ancora il premio al miglior corto di animazione, il premio del pubblico, il premio “AMC” al miglior montaggio italiano e molti altri, ancora in fase di definizione.
Visto il successo della scorsa edizione viene riconfermata la sezione Last Chance nella quale potranno partecipare i cortometraggi di qualsiasi genere che non hanno vinto nessun premio della durata massima di 10 minuti prodotti dopo gennaio 2015. I dieci selezionati verranno inseriti poi in concorso alla Sezione Maremetraggio (e ai suoi relativi premi).
Sarà riproposto anche SweeTS4Kids, la sezione di cortometraggi dedicata ai bambini dagli 8 ai 13 anni. Un vero e proprio festival nel festival con un direttore artistico in formato XS (Tommaso 11 anni). Circa 25 film da lui scelti verranno proiettati ai bambini, durante due pomeriggi di cinema. i quali da giurati veri e propri decreteranno poi il vincitore.
Anche la Sezione Nuove Impronte, dedicata ai lungometraggi opere prime del cinema italiano, viene confermata per questa nuova edizione; un modo per dare fiducia ai nuovi autori che già al loro esordio dietro la macchina da presa dimostrano che può essere ancora possibile un cinema appassionato, sincero e diverso.

Il cinema giovane in mostra: la prospettiva 2016

Negli anni passati il festival si è mosso su due fronti: sono state proposte retrospettive su attrici e attori italiani di fama (Laura Morante, Margherita Buy, Sergio Rubini, Francesca Neri, Barbora Bobulova) e “prospettive” su giovani promesse del cinema italiano (Elena Radonicich, Luca Marinelli, Michele Alhaique, Andrea Bosca, Michele Riondino, Alba Rohrwacher, Jacopo Olmo Antinori), poi divenute famose. In questa sua diciassettesima edizione ShorTS rinnoverà la sua scommessa e punterà, per la sua prospettiva 2016, lo spazio dedicato agli attori italiani emergenti, su un altro giovanissimo talento del nostro cinema di cui verranno proposti in proiezione i film che l’hanno avuto come protagonista. Come ogni anno sarà inoltre organizzato un incontro aperto al pubblico, in cui il protagonista della prospettiva 2016 racconterà i suoi primi passi nel mondo del cinema e le sue aspettative per il futuro.

Il focus 2016 dedicato al cinema di un paese Europeo

Come accaduto negli anni passati con il Giappone, il Kazakistan e l’India, anche quest’anno ShorTs proporrà un focus interamente dedicato alla cinematografia di un Paese straniero. Una serata del festival sarà interamente dedicata all’Ungheria, ai suoi cortometraggi e alla sua cultura in collaborazione con Busho “Budapest International Film Festival”.

Sempre più “Oltre il muro”

Dal 2009 l’Associazione Maremetraggio, sempre attento al sociale e al suo territorio di riferimento, porta il cinema anche all’interno della Casa Circondariale di Trieste. Dopo le ripetute esperienze positive e l’entusiasmo dimostrato dai detenuti nei confronti di questa iniziativa, nel 2012 “Oltre il muro” ha assunto una nuova connotazione, diventando un percorso formativo che si sviluppa nel corso di un intero anno. Grazie alla preziosa collaborazione del regista Davide Del Degan e all’impegno del presidente e direttore artistico del festival, Chiara Valenti Omero, “Oltre il muro” si è articolerà anche nel 2016 in una serie di incontri e lezioni a cadenza bisettimanale, con l’obiettivo di formare i detenuti su quelle che sono le nozioni cinematografiche di base, per incoraggiarli a creare loro stessi un prodotto cinematografico. I partecipanti al corso inoltre andranno a costituire inoltre la futura giuria di ShorTS che verrà chiamata a valutare i corti italiani in concorso al festival e ad assegnare al migliore il “Premio Oltre il Muro”.

Eventi speciali

Come accaduto nelle scorse edizioni del festival con l’evento dedicato alla videoarte nel 2012, con l’esposizione “Fuoriscena” nel 2013 il festival non sarà solo cinema, ma aprirà le porte ad altri linguaggi artistici e ad artisti emergenti italiani e internazionali, in un’ottica di contaminazione tra diverse forme d’arte e background culturali differenti.
Inoltre visto l’interesse che suscita una delle spiagge più famose e storiche di Trieste, lo stabilimento balneare “La Lanterna” è nostra intenzione dedicare una serata di programmazione proprio in questo luogo con le proiezioni serali su un maxi schermo galleggiante. L’atmosfera sarà resa ancora più interessante dalla location scelta. “La lanterna” o più comunemente detta in dialetto “El Pedocin” è l’unico stabilimento balneare in Italia e in Europa a prevedere ancora la rigorosa separazione dei sessi. Uomini da una parte, donne e bambini dall’altra: in mezzo un muro alto tre metri. Questa divisione, che risale al 1903, è vissuta con orgoglio e ironia dai triestini. Verranno inoltre riproposte le passeggiate cinematografiche per vivere la città di Trieste sotto un profilo diverso e insolito; quello dei “luoghi del cinema”. Insieme al critico cinematografico Nicola Falcinella si ripercorreranno nuovamente, con una passeggiata a tema, le location e le storie delle tante opere per il grande schermo girate nella città giuliana, che per la caratteristica luce dei suoi tramonti sul mare, per la bellezza dei suoi storici edifici e della natura circostante e per la sua posizione di confine, a cavallo tra est e ovest europeo, è stata sempre molto apprezzata dai registi di tutto il mondo, da Mauro Bolognini a Luchino Visconti, da Francis Ford Coppola a Cristina Comencini, da Anthony Minghella a Giuseppe Tornatore.

Incontri con il pubblico e workshop

Da sempre il ShorTS sostiene il cinema giovane e i filmakers esordienti, che solitamente iniziano la loro carriera professionale proprio partendo dal cortometraggio e possono usufruire, partecipando al festival, di una vetrina d’eccezione per far conoscere al pubblico e agli addetti ai lavori le loro opere. Al festival i giovani registi protagonisti e gli interpreti delle opere in proiezione avranno modo di presentare i propri lavori anche attraverso incontri con il pubblico e la stampa, che serviranno ad approfondire i vari aspetti che stanno dietro la realizzazione di un cortometraggio o di un’opera prima.

Oltre agli incontri per il pubblico non mancheranno i workshop e i meeting destinati agli addetti ai lavori, in cui verranno sviscerati e analizzati i temi più “caldi” del momento in ambito cinematografico, e che serviranno anche per mettere in contatto i professionisti del mondo della settima arte e aiutare la circolazione di idee e la nascita di nuovi progetti.

Si svolgerà inoltre un laboratorio dedicato alle sole attrici femmine professioniste tenuto dagli attori e registi Claudia Della Seta e Stefano Viali. Il laboratorio, in collaborazione con NUOVOIMAIE, durerà tre giorni all’interno del Festival e verterà sulla conoscenza e potenzialità del proprio aspetto fisico legato alla forza interpretativa e creativa dei propri sogni, delle proprie fantasie e del proprio vissuto in modo da tradurre tutto ciò davanti alla videocamera e offrirla allo spettatore. Un metodo definito “Recitare dalla propria anima” per dare la possibilità alle partecipanti di combinare il loro lavoro professionale con l’esplorazione personale. Docente d’eccezione sarà il produttore teatrale boliviano Andrés Neumann.

La location: Trieste, Piazza Verdi

Punto di forza di ShorTS sarà ancora una volta la location, Trieste, città di confine all’estremo Oriente d’Italia che grazie alla fortunata posizione geografica tra l’Adriatico e il Carso, sarà la cornice ideale per una grande festa estiva del cinema di qualità.
Il Festival, che si allargherà, valorizzandole con la sua programmazione, in diverse zone della città, proporrà per il quarto anno consecutivo, visto il successo crescente di pubblico registrato nelle tre passate edizioni, la sua maratona di cortometraggi in Piazza Verdi, sede dell’omonimo teatro e a due passi da Piazza dell’Unità d’Italia e dal lungomare triestino.